Archivio per aprile 2012

Trattamento della Sclerosi Multipla,della malattia di huntington, di Parkinson e il morbo di Alzheimer senza medicinali pericolosi   Leave a comment


Nel video qui sotto, il dottor Terry Wahls racconta la storia ispiratrice di come ha invertito la sclerosi multipla dopo sette anni di degrado sulle migliori trattamenti convenzionali disponibili – semplicemente modificando la sua dieta!

Read more: http://www.care2.com/greenliving/treating-ms-without-dangerous-drugs.html#ixzz1sWGVhwUe

Nutrizione per il vostro cervello e Sistema Nervoso Centrale

 

verdura-600x400

Attraverso la sua ricerca sulla sclerosi multipla, il dottor Wahls scoperto che, per qualche ragione sconosciuta, oltre ai sintomi comunemente conosciuti, il cervello dei pazienti affetti da SM tendono a ridursi. Questo suscitato la sua curiosità, e la condusse alla ricerca di altre malattie che hanno restringimento del cervello simili, vale a dire di Huntington, di Parkinson e il morbo di Alzheimer. Un denominatore comune è mal funzionante mitocondri. I mitocondri sono come piccoli ‘batterie’ di cellule che gestiscono la fornitura di energia alla cellula, e se non si consumano i nutrienti giusti, eventuale malfunzionamento mitocondriale è il risultato ovvio.

Ha scoperto che tre sostanze nutritive, in particolare, sono essenziali per una corretta funzione mitocondriale:

  • Animal-based grassi omega-3
  • Creatina
  • Coenzima Q10 (CoQ10) o meglio ancora la versione ridotta noto come ubiquinolo

Basta con l’aggiunta di questi tre alla sua dieta, il suo declino iniziò a rallentare. Ma lei non stava migliorando, così lei ha continuato Investigando attraverso la ricerca medica in cerca di una risposta. Quando ha scoperto l’Istituto di Medicina Funzionale, Dr. Wahl ha cominciato a trovare altri indizi

Read more: http://www.care2.com/greenliving/treating-ms-without-dangerous-drugs.html#ixzz1sWHDbEap

 

 

Come accennato in precedenza, è un isolante di mielina, sostanza cerosa che riveste i nervi nel sistema nervoso centrale. Il tuo mielina ha anche bisogno di nutrienti specifici per funzionare correttamente, come ad esempio:

  • Vitamina B1
  • La vitamina B9
  • Vitamina B12
  • Animal-based grassi omega-3
  • Iodio

Inoltre, i neurotrasmettitori nel cervello hanno bisogno di zolfo e B6 per il funzionamento ottimale. Alla fine, il dottor Wahls progettato il suo piano di mangiare, in base alle sostanze nutritive che adesso sapeva di aver bisogno per mitocondriale ottimale, la mielina, e la funzione dei neurotrasmettitori, perché mentre il vostro corpo può creare alcuni nutrienti, altri devono essere fornite attraverso la dieta.

Un successo Paleo Diet Story

La maggior parte degli americani mangiano grandi quantità di prodotti alimentari trasformati, che vengono caricati con sciroppo di fruttosio, cereali, e additivi chimici nocivi di ogni genere, come MSG, e dolcificanti artificiali come l’aspartame. Purtroppo, questo tipo di dieta è un quasi infallibile ricetta per la malattia cronica … Non solo stai ricevendo un sacco di ciò che non è necessario, si sta semplicemente non ottenere abbastanza nutrienti reali!

Mentre due terzi degli adulti americani sono ora sia in sovrappeso o obesi , molti, se non la maggior parte di loro sono anche, contemporaneamente, malnutriti .

Secondo il grafico mostrato durante il discorso Dr. Wahls, meno della metà di tutti gli americani ottenere abbastanza vitamina B6 e magnesio nella loro dieta. Più del 70 per cento non si ottiene una quantità sufficiente di iodio, e di un enorme 80 per cento non ha mai abbastanza grassi omega-3 dalla loro dieta. Questo, tra l’altro, è il motivo per animali a base di omega-3 è uno dei pochi integratori vorrei raccomandare a praticamente tutti. In confronto, i popoli antichi e autoctoni di tutto il mondo che non hanno modificato in modo significativo la loro dieta nel corso del tempo, consumare in qualsiasi punto tra due volte a 10 volte la quantità di oggi è razioni giornaliere raccomandate (RDA) di nutrienti!

Dr. Wahls modificato la sua dieta per riflettere il Paleo-style dieta dei cacciatori-raccoglitori dell’era paleolitica  come segue:

  • 3 tazze al giorno (pari ad un piatto piano, colmo) di foglie verdi, come cavoli, che sono ad alto contenuto di vitamine B, A, C, K, e minerali
  • 3 tazze al giorno di verdure ricche di zolfo provenienti dai cavolo e la cipolla-famiglie, funghi e asparagi
  • 3 tazze al giorno di verdura brillantemente colorate, frutta e / o frutti di bosco, che sono una buona fonte di antiossidanti
  • Pesci selvatici per animali a base di omega-3
  • Grass carne di animali nutriti
  • Frattaglie di vitamine, minerali e CoQ10
  • Alghe per iodio e selenio

Read more: http://www.care2.com/greenliving/treating-ms-without-dangerous-drugs.html#ixzz1sWJI04PD

Annunci

LIBERTANGO   Leave a comment


La música de Astor Piazzolla es sin dudas

una de las mayores expresiones artísticas

que la Argentina ya dió al mundo.

Incorporando al tango un poco de   jazz

y un poco de música clásica,

Piazzolla alcanzó un resultado formidable y a la vez innovador,

sofisticando ese ritmo porteño y revolucionando sus conceptos.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un team di ricercatori presso l’UC Davis institute per cure regenerative ha fatto un passo importante verso il trattamento della malattia di Huntington   1 comment


Un team di ricercatori presso l’UC Davis Institute for Cure rigenerativi ha sviluppato una tecnica per l’utilizzo di cellule staminali di erogare la terapia che concerne specificamente l’anomalia genetica trovato nella malattia di Huntington, una malattia ereditaria del cervello che provoca progressivi movimenti incontrollati , la demenza e la morte. I risultati, ora disponibile on line sulla rivista Molecular and Cellular Neuroscience , suggeriscono un approccio promettente che potrebbe bloccare la malattia di avanzare.

“Per la prima volta, siamo stati in grado di fornire con successo inibitori sequenze di RNA a partire da cellule staminali direttamente in neuroni, diminuendo in maniera significativa la sintesi della proteina huntingtina anormale”, ha detto Jan A. Nolta, ricercatore principale dello studio e direttore della UC Davis programma di cellule staminali e la UC Davis Institute for Cures rigenerativi. “Il nostro team ha fatto un passo avanti che dà le famiglie colpite da questa malattia la speranza che la terapia genetica potrebbe un giorno diventare una realtà.”

La malattia di Huntington possono essere gestiti con i farmaci, ma al momento non ci sono trattamenti per il declino fisico, mentale e comportamentale delle sue vittime. Nolta e altri esperti che la migliore occasione per arrestare la progressione della malattia sarà quello di ridurre o eliminare il mutante huntingtina (htt), proteina che si trova nei neuroni delle persone con la malattia. RNA interference (RNAi), la tecnologia ha dimostrato di essere altamente efficace nel ridurre i livelli di proteina HTT e invertire i sintomi della malattia in modelli murini.

“La nostra sfida con la tecnologia dell’interferenza dell’RNA è quello di capire come consegnarlo nel cervello umano in un dialogo intenso, modo sicuro ed efficace”, ha detto Nolta, di cui il laboratorio ha recentemente ricevuto finanziamenti dal California Institute for Regenerative Medicine di sviluppare un sistema di erogazione RNAi per la malattia di Huntington. “Stiamo esplorando come utilizzare cellule staminali umane per creare stabilimenti produttivi RNAi all’interno del cervello.”

Jan Nolta © UC Regents
Jan Nolta

La malattia di Huntington colpisce oltre un quarto di milioni di americani. Il disturbo può essere tramandata attraverso le famiglie, anche se solo uno dei genitori ha il gene anomalo huntingtina. La malattia è causata da una mutazione nel gene, che comprende una componente anormalmente ripetendo di DNA che appare sul cromosoma quarto. Mentre il pattern building block ripete normalmente fino a 28 volte sul cromosoma, ripete troppe causare una forma anomala di proteina – nota come proteina huntingtina – da effettuare. La proteina huntingtina si accumula nel cervello, provocando la progressione devastante della malattia. Le persone di solito si sviluppano sintomi di mezza età se non ci sono più di 35 ripetizioni. Una forma più rara della malattia si verifica nei giovani quando il modello di DNA anomalo si ripete molte volte di più.

L’UC Davis team di ricerca ha mostrato per la prima volta che inibitori sequenze di RNA possono essere trasferiti direttamente da cellule del donatore nelle cellule bersaglio per ridurre notevolmente la sintesi delle proteine indesiderate dal gene mutante. Per trasferire le sequenze di RNA inibitori nei loro obiettivi, il team di Nolta geneticamente le cellule staminali mesenchimali (MSC), che sono state derivate dal midollo osseo di donatori umani non affetti. Negli ultimi due decenni, Nolta ei suoi colleghi hanno dimostrato di essere MSCs veicoli sicuri ed efficaci per fornire gli enzimi e le proteine ad altre cellule. Ha detto che le MSC possono trovare anche trasferire molecole di RNA direttamente da cellula a cellula, in quantità sufficienti a ridurre i livelli di una proteina mutante di oltre il 50 per cento nelle cellule bersaglio, è una scoperta che non è mai stato segnalato prima e offre una grande promessa per uno varietà di disturbi.

 

“Non solo è trovare nuovi trattamenti per la malattia di Huntington è un esercizio utile di per sé, ma le lezioni che stiamo imparando sono applicabili allo sviluppo di nuove terapie per altre malattie genetiche che coinvolgono lo sviluppo eccessivo di proteine e la necessità di ridurre”, ha detto Nolta, che recentemente ricevuto una sovvenzione di prestigio ricerca trasformativa dal National Institutes of Health per studiare come le cellule staminali mesenchimali in grado di trasferire microRNA e di altri fattori nelle cellule dei tessuti danneggiati, e come questo processo può essere sfruttata per il trattamento di lesioni e malattie. “Abbiamo grandi speranze che queste tecniche possono anche essere utilizzati nella lotta contro alcune forme di sclerosi laterale amiotrofica (morbo di Lou Gehrig), così come Parkinson e da altre condizioni.”

L’, articolo “Esame delle mediata da cellule mesenchimali staminali trasferimento RNAi per la malattia di Huntington ha inciso cellule neuronali per la riduzione della huntingtina,” è stato co-scritto da Scott D. Olson, ora con l’Università del Texas Health Sciences Center a Houston. Altri autori sono stati Kambal Amal, ora alla Washington University di St. Louis, e Kari Pollock, Gaela-Marie Mitchell, Heather Stewart, Stefanos Kalomoiris, Cary Whitney, Catherine Nacey e Karen Pepper, con l’UC Davis Institute for Cures rigenerativi. I finanziamenti per la ricerca è stato fornito dal California Institute for Regenerative Medicine e Team KJ.

UC Davis sta giocando un ruolo di primo piano nel campo della medicina rigenerativa, con quasi 150 scienziati che lavorano su una varietà di cellule staminali progetti di ricerca in sedi universitarie sia in Davis e Sacramento. L’UC Davis Institute for Cure rigenerativa, una struttura sostenuta dal California Institute for Regenerative Medicine (CIRM), inaugurato nel 2010 sul campus Sacramento. Questo 62 milioni dollari struttura è il centro dell’università per la scienza delle cellule staminali. Esso include la più grande accademico della California settentrionale di Good Manufacturing Practice di laboratorio, con state-of-the-art attrezzature e sale di produzione per le terapie cellulari e geniche. UC Davis ha anche un Translational cellule staminali embrionali umane in comune centro di ricerca a Davis e una partnership di collaborazione con l’Istituto di Medicina Rigenerativa Pediatric Shriners Hospital for Children California del Nord. Tutti i programmi e le strutture complementari Science Center clinica e traslazionale dell’università, e concentrarsi per trasformare cellule staminali in cure. Per ulteriori informazioni, visitare www.ucdmc.ucdavis.edu / stemcellresearch .

Nuova scoperta per combattere la Malattia di Huntington   Leave a comment


 

neuromed

 

Un team di giovani ricercatori ha scoperto che una molecola (GM1), particolarmente abbondante nel cervello sano, e’ ridotta nel cervello di modelli sperimentali e in cellule di epidermide di pazienti affetti dalla malattia di Huntington. La somministrazione di questa molecola in un modello sperimentale di malattia, corregge la disfunzione e abolisce il deficit motorio.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati dalla prestigiosa rivista americana

Proceedings of the National   Academy of Sciences (PNAS).

Lo studio mostra per la prima volta che il trattamento con GM1 ripristina la normale funzione motoria e rallenta la progressione della malattia in un modello sperimentale di Huntington. Un tale risultato potrebbe offrire interessanti sviluppi per la Malattia di Huntingon e dare nuove speranze per identificare l’uso di GM1 come possibile target terapeutico per questa devastante malattia.

Lo studio, diretto dalla Dr.ssa Simonetta Sipione, presso il dipartimento di farmacologia dell’ Universita’ dell’Alberta e’ stato condotto da due giovani ricercatori italiani, la Dr.ssa Alba Di Pardo e il Dr. Vittorio Maglione.

I due ricercatori sono ora tornati in Italia per continuare le loro ricerche presso l’Istituto Neuromed

nel laboratorio di Neurogenetica diretto dal Dr. Ferdinando Squitieri,

uno dei massimi esperti della Malattia di Huntington

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: