Federico Garcia Lorca..il grande poeta omosessuale.. che pagò con la vita ..il suo amore per la Spagna   1 comment


Vi indico il suo riferimento su Wikipedia    http://it.wikipedia.org/wiki/Federico_Garc%C3%ADa_Lorca

e vi consiglio di vedere questo film molto bello che descrive tre stupende personalità..Little Ashes

Nel 1919, giunge, per proseguire gli studi, a Madrid, dimorando presso la famosa Residencia de Estudiantes.[4] All’Università stringe amicizia con Luis Buñuel e Salvador Dalí, così come con molti altri personaggi di grande rilievo della storia spagnola.[4] Tra questi, Gregorio Martínez Sierra, il Direttore del Teatro Eslava, dietro invito del quale García Lorca scrive e mette in scena, nel 1919-20, la sua opera d’esordio, El maleficio de la mariposa, che però non viene accolta bene dal pubblico.

        

Nel 1922 Madrid sta subendo i cambiamenti provocati dalle nuove influenze del jazz, di Freud e delle avanguardie artistiche. Salvator Dali è appena arrivato all’università, ha 18 anni ed è determinato a diventare un grande artista. Il suo carattere combattuto tra timidezza ed esibizionismo attrae l’attenzione di due personaggi dell’elite universitaria: Federico Garcia Lorca e Luis Bunel. Salvador entra così all’interno del loro gruppo e per un certo tempo i tre diventano un formidabile trio, il gruppo più all’avanguardia di Madrid. Nondimeno, col passare del tempo, Salvador sente una crescente attrazione verso il carismatico Federico – che a sua volta sembra inconsapevole delle attenzioni che sta ricevendo dalla sua bellissima amica scrittrice Margarita. Alla fine, davanti alle proccupazioni dei suoi amici e mentre Federico sta crescendo di fama come poeta, Luis decide di partire per Parigi in cerca del proprio successo artistico. Ma prima Federico e Salvador passano le loro vacanze insieme sulle spiagge di Cadaques. Sia le idilliache bellezze del paesaggio che il calore della famiglia di Dalì contribuiscono ad avvicinare sempre più i due uomini, che ormai condividono le stesse idee, segreti e ispirazioni, convincendoli che hanno trovato una unione così intensa che difficilmente sarebbe accettata dagli altri.

A questa pagina potrete trovare la “Ode a Salvador Dali

O Salvador Dalì, dalla voce olivastra! Non elogio il tuo imperfetto pennello adolescente nè il tuo colore che corteggia il color del tuo tempo ma lodo le tue ansie d’eterno limitato

Anima igienica, vivi su marmi nuovi. Fugge l’oscura selva d’incredibili forme. La tua fantasia arriva dove le tue mani, e godi il sonetto del mare sulla tua finestra. Il mondo ha sorde penombre e disordine ai primi limiti che frequenta l’uomo. Ma già le stelle, nascondendo paesi, mostrano lo schema perfetto delle loro orbite.

La corrente del tempo si calma e ordina nelle forme numeriche d’un secolo, di secoli. E la Morte vinta tremante si rifugia nello stretto circolo del minuto presente. Quando prendi la tavolozza, con un colpo in un’ala, chiedi la luce che anima la cima dell’olivo. Ampia luce di Minerva, costruttrice di impalcature, dove non entra il sogno né la sua flora inesatta.

Chiedi la luce antica che rimane sulla fronte, senza scender sulla bocca né nel cuore dell’uomo. Luce che temono le intime viti di Bacco. e la forza disordinata che porta l’acqua curva. Fai bene a mettere bandierine d’avviso sul limite oscuro che brilla a notte.

Come pittore non vuoi che ti blandisca la forma il cotone cangiante di una nube imprevista. Il pesce nel vaso e l’uccello nella gabbia. Non vuoi inventarli nel mare o nel vento. Stilizzi o copii dopo aver guardato con oneste pupille i loro corpicini agili.

Ami una materia definita e esatta dove il fungo non possa alzare le sue tende. Ami l’architettura che costruisce nell’assente e ammetti la bandiera come un semplice scherzo. Dice il compasso d’acciaio il suo corto verso elastico. La sfera già smentisce isole sconosciute. Dice la linea retta il suo sforzo verticale e i sapienti cristalli cantano le loro geometrie. Ma anche la rosa del giardino dove vivi. Sempre la rosa, sempre, Nord e Sud di noi stessi! Tranquilla e concentrata come una statua cieca; ignorante di sforzi sotterranei che provoca. Rosa pura che lava da artifici e schizzi e ci apre le ali tenui del sorriso. (Farfalla inchiodata che medita il volo).

Rosa dell’equilibrio senza dolori voluti. Sempre la rosa !O Salvador Dalì dalla voce olivastra! Dico ciò che mi dicono la tua persona e i tuoi quadri. Non lodo il tuo imperfetto pennello adolescente, ma canto la ferma direzione delle tue frecce.
Canto il tuo bello sforzo di luci catalane, il tuo amore per quanto è spiegabile.
Canto il tuo cuore astronomico e tenero, da carte francesi e senza nessuna ferita.
Canto l’ansia di statua che insegui senza tregua, il timore dell’emozione che t’aspetta nella strada.
Canto la sirenetta del mare che ti canta sopra la bicicletta di coralli e conchiglie.

Ma anzitutto canto un comune pensiero che ci unisce nelle ore oscure e dorate. Non è l’Arte la luce che ci acceca gli occhi. Prima è l’amore, l’amicizia o la scherma.
Prima del quadro che paziente disegni è il seno di Teresa, dalla pelle insonne, i ricci di Matilde l’ ingrata, e la nostra amicizia dipinta come un giucco dell’oca.

Tracce dattilografiche di sangue sull’oro graffino il cuore di Catalogna eterna. Stelle come pugni senza falcone t’illuminino mentre fioriscono la tua pittura e la tua vita. Non guardare la clessidra con ali membranose né la dura falce delle allegorie. Vesti e spoglia sempre il tuo pennello nell’aria di fronte al mare popolato di barche e marinai.

Federico Garcia Lorca

Este poema es una alusión al amor imposible entre los dos. Supone el descubrimiento por Lorca de que Dalí lo consideraba en su solicitud amorosa, pero rechazaba su obra, su poesía. En algunas cartas Salvador Dalí le reprochó la “putrefacción” de Canciones y Romancero Gitano en un momento en el que lo que estaba de moda era el surrealismo. Muchos consideran Poeta en Nueva York como un acercamiento al surrealismo por parte del poeta andaluz debido a la influencia que ejerció el pintor sobre él. Se inicia así una etapa daliniana de Lorca que le llevará a acercarse al surrealismo y crear un lenguaje nuevo palpable en el teatro vanguardista de sus últimas obras: Así que pasen cinco años, Comedia sin título y El público. La Oda a Salvador Dalí caló profundamente en el pintor: le marcó en la manera de verse a sí mismo, es una manifestación clara de una amistad profunda, pero también de una fuerte rivalidad.

Più che una unione di menti è una profonda simbiosi di anime, che in una splendida notte stellare, davanti all’acqua fosforescente, si trasforma in amore

Potete vedere prima …il trailer del film

e poi decidere di vederlo in streaming  a questo indirizzo

http://italianqueermoovies.blogspot.cz/search/label/Little%20ashes

Se non lo vedete..dovete cambiare in DSN del vostro computer…una operazione semplice..che è descritta in questa pagina

http://www.cb01.eu/siti-filesharing-oscurati-soluzione-guida-cambio-dns/

Ho scritto un’articolo sulla biografia del  grande genio pittorico…se vi interessa dategli un’occhiata

Salvador Domenec Dali

dali (1)

 

Annunci

Una risposta a “Federico Garcia Lorca..il grande poeta omosessuale.. che pagò con la vita ..il suo amore per la Spagna

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Pingback: Salvador Dalí, il torbido mondo della paranoia | La Verità...Innamora..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: