BARCELLONA..LA GRANDE.. La città..Modernista..   Leave a comment


 

 

 

Barcellona (in catalano e spagnolo Barcelona, pronuncia rispettivamente [bəɾsəˈlonə] e [baɾθeˈlona]) è una città di 1.602.386 abitanti (area metropolitana istituzionale: 2.215.581 abitanti[1]) della Spagna, capoluogo della Catalogna, una comunità autonoma della parte nord-orientale dello Stato, oltre che dell’omonima provincia e della comarca del Barcelonès. Soprannominata Ciudad Condal o Ciutat Comtal (Città dei Conti), è la seconda città della Spagna per numero di abitanti dopo la capitale Madrid.

Nel 1992 fu sede dei Giochi Olimpici estivi. Nel 2004, a Barcellona, si è tenuto per la prima volta assoluta il Forum Universale delle Culture, la città ha ospitato l’Esposizione internazionale del 1888 e quella del 1929, è la sede fissa del Mobile World Congress e dell’Unione per il Mediterraneo. Forte del turismo, del porto e della vicinanza alla Francia(160 km da Le Perthus), la città vide la sua già prospera economia impennarsi dopo i giochi olimpici del 1992. La città è il secondo maggior centro industriale e finanziario dellaSpagna dopo Madrid, nonché il maggior porto commerciale e turistico e uno dei maggiori d’Europa.

Barcellona è conosciuta come capitale del modernismo[senza fonte], per la grande quantità e qualità delle opere architettoniche che conserva, gioielli come l’Hospital de la Santa Creu i Sant Pau o il Palau de la Música Catalana di Lluís Domènech y Montaner, o il Palau Macaya e la Fàbrica Casaramona di Josep Puig i Cadafalch, ma senza dubbio l’architetto modernista più conosciuto è Antoni Gaudí, la sua opera più importante che attrae ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo è la Sagrada Família, che Gaudí ha lasciato incompiuto e che ancora oggi è in costruzione grazie alle donazione di privati e dei visitatori. La costruzione di questo tempio, consacrato da papa Benedetto XVI nel 2010, si prevede che terminerà verso il 2020. Altre opere di Gaudí sono il Parc Güell, la Casa Milà, conosciuta anche come La Pedrera, e la Casa Batlló.

La Torre Mapfre (154m)

La città possiede anche numerosi esempi di architettura contemporanea. Spicca sicuramente il Padiglione tedesco di Ludwig Mies van der Rohe, costruito per l’Expo 1929 o la Fundació Joan Miró dell’architetto catalano Josep Lluís Sert. Dopo la guerra civile, la città rimase sotto il controllo del regime franchista che bloccò ogni tipo di movimento popolare, movimenti che erano stati alla base delle opere più importanti di Barcellona. Fu solo anni dopo la restaurazione della democrazia, grazie ai Giochi Olimpici del 1992 che la città rivivette una tappa di grande trasformazione che diede origine a opere come il Palau Sant Jordi di Arata Isozaki, laTorre de Collserola di Norman Foster, L’Auditori di Rafael Moneo, il Teatre Nacional de Catalunya di Ricardo Bofill e la torre delle comunicazioni di Santiago Calatrava. Prima dei Giochi si ristrutturò l’Aeroporto di Barcellona (l’odierno terminal T2) su progetto di Ricardo Bofill, il quale ha anche progettato il nuovo terminal T1 inaugurato il 2007. Nella tappa “post-olimpica” la città ha continuato uno sviluppo architettonico notevole, costruendo edifici come il MACBA di Richard Meier, laTorre Agbar di Jean Nouvel, e i progetti di una nuova stazione ferroviaria La Sagrera, e la Torre del Triangle Ferroviari di Frank Gehry. Altri progetti, come l’edificio del Forum di Jacques Herzog e Pierre de Meuron sono stati sviluppati in occasione del Forum Universale delle Culture.

Nel 1999 la città di Barcellona fu premiata dalla RIBA con la “Royal Gold Medal“, un premio solitamente attribuito ad architetti per le opere svolte, che per prima e unica volta fu attribuito a una città e non a un architetto.[17]

Università

Edificio storico dell’Università di Barcellona, nella piazza omonima

Oltre a essere una città straordinaria dal punto di vista turistico e del divertimento, Barcellona da sempre ha avuto un ruolo guida in ambito culturale.
Tra le prestigiose Università e Scuole superiori cittadine vi sono:

 

 

THE BEST KNOWN PRACTITIONER OF CATALAN MODERNISM

Antoni Gaudi born on 25 June 1852 was a Spanish Architect. Most of the works by Antoni Gaudi show a distinct style as they were inspired from his interests in nature and religion. In 1883, he was put in charge for the project “La Sagrada Familia” as Francisco de Paula del Villar y Lozano dropped himself from this project.

Antoni Gaudi redesigned the whole project with his own distinct architectural style. From 1915-until he died, he did so much for this project that during his end years, there are no major projects of him.
At the time of his death in 1926, only a quarter of the project was completed.

In the year 1866, an association was formed named “Spiritual Association of the Devotees of St Joseph” by Josep Maria Bocabella i Verdaguer. From 1874, this Association promoted the construction of the sacred church “La Sagrada Familia” for the holy family.

In 1881, after some munificent donations, a plot of land was bought in Barcelona, Spain having an approximate area of 12,800m².

The very next year, on 19 March 1882 the foundation stone was laid. A Neo-Gothic design was put on by the architect Francisco de Paula del Villar y Lozano. After a bit of time, he had some disparity with the promoters and stepped back from this project.In 1983, Antoni Gaudi took control over the project. Till the 1989 everything was going at a great pace just due to the donations. Due to some large anonymous funding he thought something different. And proposed a new innovatory and more monumental design instead of the previous Neo-Gothic design by Francisco de Paula del Villar y Lozano. The final plan proposed by Antoni Gaudi looks like a Latin cross. The eventual aim of the church “La Sagrada Familia” was to show catechistic explanation of the teachings of the Gospels and the Church.
When Antoni Gaudi took over this project he was just 31 and had many major works in his list. But, he completely devoted himself to this project and focused on this project until he died. That is the main reason he had no major works in the end of his life.

He planned the Passion Facade in 1911 and a explicit solution for the naves and roofs in the year 1923.

Antoni Gaudi died of a tragic accident on 10 June 1926, when he was run over by a tram. During all his working years on this project he was able to just see one thing being completely build “The first bell tower of Nativity Facade”, which is dedicated to St Barnaby having a clear height of 100 meters.

On 10 June 1926, he was buried in the La Sagrada Familia, where his remains are still recline.

Gaudi said :“There is no reason to regret that I cannot finish the church. I will grow old but others will come after me. What must always be conserved is the spirit of the work, but its life has to depend on the generations it is handed down to and with whom it lives and is incarnated”.

After the death of Gaudi, his close associate Domènec Sugrañes took over the management of works of his project La Sagrada Famalia until the 1938.
During his management, in 1930, the Bell Towers of the Nativity Facade were constructed and then in 1933 the Faith doors and The Central Cypress.

After that until the 1983, the control over management issues was taken by directors Francesc de Paula Quintana i Vidal, Isidre Puig i Boada and Lluís Bonet i Garí. These all were the associates of Antoni Gaudi.
Presently, the sculptor Josep Maria Subirachs is in charge for generating the sculptures and statues for the Passion Facade.

In the year 2000, the Foundation work of Glory Facade began to progress and the vaults of The Transept and Central Nave were built. The same year, due to the occasion of the new millennium as mass was held inside the church to get a vision of work.

In the year 2002, The remaining work for the wall of the prophets was completed by the the sculptor Josep Maria Subirachs. Also, the works of a Japanese sculptor named “Etsuro Sotoo” were placed on the Central Nave.
All the work is being done according to the Gaudi’s model. In 2006, the choir of Glory Facade was completed. In the last 7 years The vaults of the Crossing and Ambulatory of the apse have been completed.

The next few years the construction on main facade “The Glory Facade” will be done which will complement the whole church.

 

The Temple Expiatori de la Sagrada Familia is a monumental Church begun on 19 March 1882 from the project of the Diocesan architect Francisco de Paula del Villar (1828-1901). At the end of 1883 Gaudí was the continuation of the works, a task that did not leave until his death in 1926. Since then, several architects have continued the work following the original idea of Gaudí.

The building is located in the centre of Barcelona, and over the years has been transformed into one of the most universal signs of identity of the city and the country. Every year it is visited by millions of people and there are many who also studied the architectural and religious content.

The temple has always been of Atonement; that is to say that, since its inception, for more than 130 years, is built from donations. In this sense, the Gaudí himself said: “the Temple Expiatori de la Sagrada Familia makes the village and there are mirrored. It is a work that is in the hands of God and the will of the people “. The construction continues and could be finished during the first third of the 21st century.
Temple Expiatori de la Sagrada Familia è una chiesa monumentale iniziata il 19 marzo 1882 dal progetto dell’architetto diocesano Francisco de Paula del Villar (1828-1901). Alla fine del 1883 Gaudí era la continuazione dei lavori, un compito che non ha lasciato fino alla sua morte nel 1926. Da allora, diversi architetti hanno continuato il lavoro seguendo l’idea originale di Gaudí.

L’edificio è situato nel centro di Barcellona e nel corso degli anni è stato trasformato in uno dei segni più universali dell’identità della città e del paese. Ogni anno viene visitata da milioni di persone e ci sono molti che hanno anche studiato il contenuto architettonico e religioso.

Il tempio è sempre stato di espiazione; vale a dire che, fin dalla sua nascita, per più di 130 anni, è costruito da donazioni. In questo senso, il Gaudí stesso ha detto: “il Temple Expiatori de la Sagrada Familia rende il villaggio e vi si specchiano. È un lavoro che è nelle mani di Dio e la volontà del popolo “. La costruzione continua e potrebbe essere terminata durante il primo terzo del XXI secolo.

Parque Guell

 

Il Parco Güell è una delle realizzazioni dell’architetto Antoni Gaudí a Barcellona che appaiono nell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.
Realizzato tra il 1900 e il 1914, doveva essere all’origine una specie di città-giardino sul modello inglese.
Fu commissionato a Gaudí dal suo mecenate, l’industriale Eusebi Güell, che aveva comprato una collina (El Carmel) a nord della città.
Il progetto complessivo dell’insediamento prevedeva alloggi, studi, una cappella ed un parco, per un totale di 60 abitazioni, ma fu acquistato solo uno dei lotti e furono completate solo due abitazioni.
In una delle due abitazioni già edificate abitò per molti anni lo stesso Gaudí, con il padre e la figlia della sorella, fino al suo trasloco definitivo nel cantiere della Sagrada Família.

La città di Barcellona lo acquistò nel 1922, trasformandolo in parco pubblico. Gaudí cercò di conservare l’andamento naturale del terreno in rilievo, lasciando libero sfogo alla sua immaginazione, generando un’opera originale dal profilo sinuoso.
Per la sua costruzione fece impiego di variopinte ceramiche di recupero e pezzi di vetro, utilizzati come tessere di mosaici colorati, assieme alle sue sculture in calcestruzzo, che rappresentano tutto un universo di animali fantastici, rifacendosi in maniera chiara al concetto del pittoresco.

Fedele al suo stile, Gaudí creò un’opera che si integra nella natura e che la riproduce: tra gli esempi la passeggiata coperta con delle colonne che hanno le forme dei tronchi degli alberi o delle stalattiti, le fontane e le arcate artificiali di roccia.

 

 

In cima alla scalinata principale con la fontana a forma di salamandra (simbolo dell’alchimia e del fuoco) si trova la sala ipostila, realizzata come un tempio classico greco.
Questa sala, chiamata anche sala delle 100 colonne (benché soltanto 85 siano state completate), si situa sotto la piazza centrale del parco.
La piazza è delimitata da un sedile sinuoso come un serpente di 150 m di lunghezza. Su questa panchina straordinaria, seduti in curva, si è al riparo e si vedono i propri vicini, in uno spazio intimo, pur avendo la vista sul resto della panchina.
Nelle altre zone del parco Gaudí creò spazi altrettanto fantastici, dove ponti in cemento armato sembrano strutture ottenute dalla scultura della roccia, dissimulando così l’incredibile sforzo architettonico.

LA FONTANA MAGICA

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: