Archivio per la categoria ‘Italy

Ancient sex..in Pompei…   Leave a comment


 

 

 

We Share Information Only For Educational Purposes

Watch More , Like & Subscribe To Our Channel : https://goo.gl/63VaM0

 

La Villa dei Misteri, esempio mirabile di commistione tra villa d’otium e villa rustica, appartenuta forse alla famiglia degli Istacidii, fra le più importanti della Pompei di età augustea, è stata riaperta al pubblico il 20 marzo 2015. Gli interventi di restauro, finanziati con fondi ordinari della Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia per un importo di circa 900.000 euro, sono iniziati nel maggio del 2013 e hanno interessato tutti gli apparati decorativi, mosaici e pitture, degli oltre 70 ambienti in cui si articola la Villa. I lavori sono stati organizzati in lotti per consentire la visita del pubblico nelle aree non interessate dal cantiere, evitando così che un edificio tanto importante non fosse fruibile per un periodo molto lungo.
La conservazione delle pitture è stato il principale obiettivo degli interventi, pertanto si sono mantenuti gli ultimi strati di cera, che garantiscono nel tempo una buona aderenza dei pigmenti decoesi al supporto e lo difendono dall’ossidazione. I restauri hanno interessato anche il noto ciclo di pitture che ha reso famosa la Villa dei Misteri, sul quale in via innovativa è stata applicata una tecnologia d’avanguardia di pulitura mediante strumentazione laser.

 

Anno 79 dopo Cristo. Pompei. La grande Villa dei Misteri ospita molte persone. Tutti attorno alla grande mensa al chiarire del plenilunio. Dioniso bambino legge la pergamena che contiene i segreti tutti di un rito antico che viene da lontano. E nello spazio della sala, risuonante delle note dei musici, lei danza e si libera in un balletto ammaliante e superbo. E così all’ombra del Vesuvio la vita scorre usuale e dolce inondando la fantasia di soavi seduzioni.
Dalla raccolta di http://www.vesuvioweb.com

 

 

 

 

 

 

ITALY..FLORENCE… is wonderful.. Art..Nature..Food   Leave a comment


FLORENCE

HPIM0894

FIRENZE  LIVE CAM  PALAZZO VECCHIO

http://www.skylinewebcams.com/it/webcam/italia/toscana/firenze/piazza-signoria.html

HPIM0582

Palazzo Vecchio e i suoi tesori

Commissionato nel 1299 ad Arnolfo di Cambio dal comune di Firenze per ospitare i Priori Maggiori, divenne nel XV secolo Palazzo della Signoria, dal nome dell’organismo principale della Repubblica fiorentina. La torre (detta di Arnolfo), alta 94 m. ed oggi uno degli emblemi della città, venne terminata alla fine del XV secolo e racchiude la stanza dell’ Albergaccio, dove sono stati imprigionati Cosimo il Vecchio nel 1433 e fra’ Girolamo Savonarola nel 1498. Nel 1540 divenne Palazzo Ducale, quando il duca Cosimo I de’ Medici ne fece la sua residenza. Fu, quindi, su disegno del Vasari, trasformato in una sontuosa reggia nella quale ancora oggi possiamo ammirare il Cortile di Michelozzo, il Salone dei Cinquecento, il prezioso Studiolo di Francesco I, gli affreschi raffinati del Quartiere di Eleonora e del Quartiere degli Elementi.
Le opere d’arte racchiuse all’interno del palazzo sono moltissime. Gli affreschi furono eseguiti da importanti artisti del tempo come il Ghirlandaio, il Bronzino, Francesco Salviati e lo stesso Vasari. Tra le sculture possiamo citare capolavori come il Genio della Vittoria di Michelangelo e il gruppo bronzeo della Giuditta e Oloferne di Donatello.
Il nome di Palazzo Vecchio lo assunse nel 1565 quando la corte del Duca Cosimo si spostò nel “nuovo” Palazzo Pitti. Per consentire ai Medici spostamenti in tutta sicurezza fra i due edifici fu realizzato un camminamento soprelevato e protetto, noto come Corridoio Vasariano, che oggi ospita una ricca collezione di autoritratti di vari artisti. Dal 1865 al 1871 (con Firenze capitale) il palazzo fu sede del Parlamento italiano, mentre oggi ospita, in alcuni ambienti, il Sindaco della città e vari uffici comunali.
L’edificio, nel tempo, si è gradualmente ingrandito verso est, arrivando ad occupare un intero isolato e allungando l’iniziale parallelepipedo trecentesco fino a quadruplicarne le dimensioni, con una pianta che ricorda un trapezio del quale la facciata è solo il lato più corto.

Francesco I de’ Medici e lo Studiolo di Palazzo Vecchio

HPIM0895

Perseo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: