Archivio per l'etichetta ‘Benedetto XVI

allora..entrerete..nel Regno…   1 comment


2.) Gesù disse: – Colui che cerca non cessi dal cercare, finché non trova¹ e quando troverà sarà commosso, e quando sarà stato commosso contemplerà e regnerà sul Tutto².
1) Cfr. Mt. VII 8 e Lc. XI 9 e 10. A differenza di Matteo e Luca quello di Tommaso è un chiaro invito alla gnosi. Anche nella Pistis Sophia 100 è detto:«Non cessate di cercare e non fermatevi finché non abbiate trovato i misteri purificatori che vi sublimeranno».
2) L’itinerario gnostico avviene secondo le seguenti tappe: conoscenza del bene, sua accettazione, contemplazione, elevazione mistica, immedesimazione con Dio e di conseguenza dominio dell’universo cosmico.

 

1.) Egli disse: – Chiunque trova la spiegazione di queste parole non gusterà la morte¹.
1) Jo. VIII 51 e anche Jo. III 15-16; V 24; VI 40, 47; Mc. IX 1; Mt. XVI 28; Lc. IX 27.

 

3.) Gesù disse: – Se coloro che vi guidano vi dicono: «Ecco! Il Regno è nel cielo», allora gli uccelli del cielo vi saranno prima di voi. Se essi vi dicono: «Il Regno è nel mare», allora i pesci vi saranno prima di voi¹. Ma il Regno è dentro di voi ed è fuori di voi. Quando conoscerete voi stessi, sarete conosciuti e saprete che siete figli del Padre Vivente. Ma se non conoscerete voi stessi, allora sarete nella privazione e sarete voi stessi privazione².
1) Cfr. Lc. XVII 20-24; e anche Mc. XIII 5, 21-23; Mt. XXIV 26-28. L’aggiunta di Tommaso:«ed è fuori di voi» allude al fatto che, una volta effettuata la scoperta nella propria interiorità, occorrerà estraniarsi dalla materia, uscire dal proprio «io» terrestre per congiungersi e unificarsi con Dio.
Questo loghion sottolinea fortemente l’interiorità, l’attualità e spiritualità del Regno. Notare l’insistenza sulla conoscenza di sé che è uno dei temi centrali del Vangelo. Scintille del Padre, soltanto prendendo coscienza del proprio «io», vivono con il Padre che vive; in caso contrario sono povertà. In un contesto identico del Papiro di Ossirinco, 654, «chiunque conosce se stesso troverà il Regno… Conoscerete voi stessi e vedrete che siete figli del Padre». Un maestro gnostico non aveva dubbi a riguardo e avvertiva i discepoli: «Lascia la ricerca di Dio, la creazione e altre questioni consimili. Cercalo partendo da te stesso… Conosci le fonti del dolore, della gioia, dell’amore, dell’odio… Se esamini attentamente tali questioni troverai Dio in te stesso» (Ippolito, Refut., VIII, 15, 1-2).
2) Lo Pseudo Ippolito, Philosophumena V 6 ci spiega che, secondo la dottrina dei naasseni (una delle più antiche sette gnostiche), «la conoscenza dell’uomo è l’inizio della perfezione», l’ignoranza di se stessi è quindi imperfezione e tenebre. Per l’espressione «Figli del Padre Vivente» cfr. Rom. IX 26b e per la parte finale del paragrafo cfr. 1.Cor. VIII 2-3; XIII 12.

5.) Gesù disse: – Conosci ciò che ti sta davanti, e ciò che ti è nascosto ti verrà rivelato; poiché non vi è nulla di nascosto che non venga un giorno rivelato¹.
1) Cfr. Mc IV 22; Mt. X 26; Lc. VIII 17; XII 2.
Clemente Alessandrino insegnava che il primo grado della conoscenza è ammirare le cose che abbiamo davanti Stromata 2, 45 e nelle Kephalaia manichee leggiamo: «Il Salvatore ha detto ai suoi discepoli: “Conoscete quanto si trova davanta alla vostra faccia e vi sarà rivelato ciò che vi è nascosto”» AnchePap. Oss., 654, riprende il testo nei seguenti termini: «Gesù dice: “Tutto ciò che non è davanti ai tuoi occhi e quanto ti è occulto ti sarà rivelato. Non c’è, infatti, cosa celata che non divenga manifesta, né cosa sepolta che non venga risuscitata”».

 

Incipit. Queste sono le parole segrete che Gesù il Vivente¹ ha detto e Didimo Giuda Tommaso² ha trascritto.
1) Cfr. Ap. I 18. Più avanti Tommaso spiegherà la ragione di tale appellativo: Gesù è contrapposto all’uomo terreno, il cui spirito è “sepolto” nella materia.
Nel papiro frammentario di Ossirinco 654, si legge: «Queste sono le parole pronunciate da Gesù il Vivente… e a Tommaso. Disse loro: “Chiunque ascolterà queste parole, la morte non gusterà”. Il termine «segreto» è evidentemente da intendere non riferito alle singole parole o frasi, dato che in esse non c’è nulla di segreto, ma all’interpretazione esoterica che va data loro.
2) L’apostolo che qui si presenta come autore dell’apocrifo è chiamato soltanto “Tommaso” in Mc. III 18; Mt. X 3; Lc. VI 15; Jo. XIV 5; Atti I 13. Ma assolutamente nulla vieta di pensare che il vero nome fosse «Giuda», come è sempre indicato anche da Efrem, da Taziano e dalla Didaché, in quanto «Tommaso» è un soprannome (in aramaico Töma significa: gemello). Solo Giovanni in tre passi del suo Vangelo (Jo. XI 16; XX 24; XXI 2) dà il terzo nome:«Tommaso detto Didimo»; ma è una tautologia, perché anche Didimo significa “gemello”.

7.) Gesù disse: – Beato il leone che l’uomo mangia, cosicché il leone diventi uomo, e sventurato l’uomo che il leone mangia, cosicché l’uomo diventi leone¹.
1) Beato l’uomo ilico (fisico, leone) se l’uomo spirituale lo domina e lo annulla; sventurato l’uomo spirituale se si fa dominare dalla sua animalità.

 

0.) Gesù disse: – Ho gettato il fuoco sul mondo ed ecco, veglio su di questo, finché esso arda¹.
1) Cfr. Lc XII 49.

 

15.) Gesù disse loro: – Se voi digiunerete, commetterete colpa verso voi stessi; se pregherete, sarete posti sotto giudizio; se farete l’elemosina, farete danno al vostro spirito¹. Se andrete in qualche terra e vi aggirerete per la contrada, se vi riceveranno, mangiate ciò che vi metteranno davanti, e coloro che sono malati fra di loro, guariteli². Poiché, non ciò che entra nella vostra bocca vi contaminerà, ma ciò che esce dalla vostra bocca: questo vi contaminerà³.
1) Come al § 6 è qui dichiarata l’inutilità del digiuno (che è un danno per il corpo), della preghiera (richiesta di aiuto dall’esterno), dell’elemosina (accomodante compromesso alla legge dell’uguaglianza). Cfr. Col. II 20-23.
2) In contrapposto alle precedenti, qui sono presentate due pratiche di vera caritas: la fratellanza nell’agàpe e la guarigione dei malati. Cfr. Lc X 8-9 (Mc. VI 13; Mt. X 8) e, parzialmente, 1Cor. X 27.
3) Mc. VII 15; Mt. XV 11.

18.) Gesù disse: – Io vi dirò ciò che occhio non ha mai veduto e ciò che orecchio non ha mai inteso, ciò che mano non ha mai raggiunto e ciò che non è mai affiorato nel cuore dell’uomo¹.
1) Cfr. Lc. X 24; 1Cor. II 9.

 

27.) Gesù vide dei bambini che stavano poppando. Egli disse ai suoi discepoli: – Questi bambini che stanno poppando sono simili a coloro che entrano nel Regno. Essi allora gli domandarono: – Se saremo piccoli, entreremo nel Regno?¹ Gesù rispose loro: – Quando farete in modo che due siano uno, e farete si che l’interno sia come l’esterno e l’esterno come l’interno, e l’alto come il basso, e quando farete del maschio e della femmina una cosa sola, cosicché il maschio non sia più maschio e la femmina non sia più femmina², e quando metterete un occhio al posto di un occhio e una mano al posto di una mano e un piede al posto di un piede, un immagine al posto di un immagine, allora entrerete³.
1) Mc. X 13-15; Mt. XIX 13-15; Lc. XVIII 13-17 e Mc. IX 35-37; Mt. XVIII 1-4; Lc. IX 46-48. Per il diverso concetto dei «bambini» confronta sopra la nota 1 al § 4.
2) Per capire questa prima parte del logion, che sviluppa il concetto di «perfezione» come unità degli opposti, occorre tener presente la dottrina gnostica emanazionistica. Dio, punto di origine e vertice di tutte le cose, si esprime attraverso «manifestazioni» (ipostasi) che sono formate a coppie (sizigie), ciascuna di un elemento maschile e di un elemento femminile, padre e madre della sizigia seguente. Dalle prime quattro coppie, spirituali, discendono, sempre a coppie, gli Eoni inferiori (decade e dodecade) fino a Psyche-Hule (Anima e Materia) che compongono l’Uomo terrestre. Ogni essere è quindi composto di elementi contrari, a coppie (alto e basso, esterno e interno, maschile e femminile) e la sua perfezione sarà solo nell’annullamento, o meglio nella fusione, di essi. Nell’affermazione «che il maschio non sia più maschio e la femmina non sia più femmina» è da riconoscere il concetto sublime del superamento dei problemi sessuali, lo stesso concetto che è espresso nel «neque nubent neque nubentur» di Mc. XII 25; Mt. XXII 30; Lc. XX 35. Nessun riferimento, invece, a Mc. X 6-8; Mt. XIX 5-6; ed Eph. V 31: «l’uomo… si unirà a sua moglie e i due diverranno una stessa carne» e nemmeno a Gal. III 28: «non c’è… né schiavo libero, né maschio né femmina, ecc.», che allude alla parità di tutti i fedeli di fronte a Dio.
3) È l’esemplificazione del riassorbimento della realtà fenomenica in Dio, secondo la dottrina platonica (cfr. sopra nota 2 del § 2 e nota 1 del § 3): quando al posto di ogni occhio, mano, piede corporeo vi sarà un occhio, una mano e un piede, pure «immagine» ideale, si sarà tornati nell’iperuranio, congiunti con la divinità, nella cui mente tutte queste apparenze hanno la loro vera realtà. Più grossolanamente 1Cor. XV 38, 40, 44 parla di corpo «spirituale» e «corpo terrestre», accettando la creazione in senso biblico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

34.) Gesù disse: – Se la carne è venuta nell’esistenza per opera dello spirito, è un miracolo; ma se lo spirito per opera della carne, questo è un miracolo di un miracolo¹. E io mi meraviglio di come una così grande ricchezza abbia preso dimora in tale povertà².
1) Cfr. Jo. III 5-8, in cui però il significato gnostico è meno accentuato. Tommaso vuol dire che è miracolosa la manifestazione sotto aspetto di uomo terrestre di un eone spirituale (Gesù), addirittura superiore al miracoloso, e quindi incredibile, che la materia generi lo spirito.
2) Sia Craveri che Doresse sono abbastanza concordi nel ritenere questa frase un commento del compilatore: «È meraviglioso che una così grande ricchezza (lo spirito) abbia preso dimora in tanta povertà (la materia)!»

Papa Benedetto XVI ed il Vangelo di Tommaso   Leave a comment


di Filippo Goti

Papa: Vangeli apocrifi importanti per studio cristianesimo 27 settembre 2006 alle 11:32 –

Fonte: repubblica.it

“Gli Atti e il Vangelo di Tommaso sono ambedue apocrifi ma comunque importanti per lo studio delle origini cristiane”.

benedetto XVI

Benedetto XVI lo ha detto ai fedeli nel corso dell’Udienza Generale di oggi. In ogni epoca la figura di Gesù ha ispirato anche ricostruzioni fantastiche della sua vita, alcune delle quali, come quelle citate oggi dal Papa, contengono elementi di interesse storico. Secondo un’antica tradizione, ha ricordato ancora il Pontefice, “Tommaso evangelizzò prima la Siria e la Persia e poi si spinse fino all’India occidentale, da dove poi il cristianesimo raggiunse anche l’India meridionale”. Una sottolineatura delle “prospettiva missionaria” della Chiesa dalla quale Papa Ratzinger ha tratto “l’auspicio che l’esempio di Tommaso corrobori sempre più la nostra fede in Gesù Cristo, nostro Signore e nostro Dio”.

Ha suscitato un vivo interesse l’apprezzamento da parte di Benedetto XVI, verso il Vangelo di Tommaso, uno scritto considerato apocrifo ( non di ispirazione sacra ), e quindi non inserito nel canone della Chiesa Cattolica Romana. Vivo interesse perchè tale pubblica dichiarazione inverte completamente il giudizio negativo che per secoli è stato riservato agli apocrifi da parte della Chiesa, indicati come mistificanti e fuorvianti per il cristiano. Seppur è vero che Benedetto XVI si è limitato a due, dei molti, testi apocrifi, è altrettanto vero che è un’apertura che implicitamente ammette l’esistenza di una fervente e varia cristianità delle origini, che non necessariamente si esprimeva in un’unica voce. Se a ciò aggiungiamo come Papa Benedetto XVI è oltre al Padre della Chiesa Cattolica, anche un dottore della chiesa, allora l’apertura non investe solamente un interesse storico o emotivo, ma può avere, nel medio e lungo periodo, interessanti risvolti sotto il profilo teologico. Sicuramente la breve dichiarazione è incentrata attorno all’aspetto missionario, apostolico, evangelizzatore di Tommaso in terra di oriente, ma non di meno investe anche l’opera apocrifa ad esso attribuita. Un’opera che è molto più prossima al Vangelo di Giovanni, come intensità poetica e mistica, rispetto che a Marco, Luca e Matteo, come del resto Tommaso e Giovanni furono accomunati per il loro percorso di evangelizzazione, non interamente inserito all’interno dei confini dell’Impero Romano.

L’impressione che uno gnostico può ricevere da tale “messaggio” non è solo quella di un’apertura da parte della Chiesa Cattolica, apertura nei confronti di se stessa, ma di una ricerca di elementi ed immagini, che sappiamo rinfocolare “l’ardore” della fede cristiana, forse troppo soffocata da riti, dogmi, e cerimonie frutto di un retaggio regolatore greco-romano, per assurdo quasi razionalistico, incapace di suscitare “emozione” e “pathos” nel cristiano moderno. Il quale risulta essere sempre più distratto dal mondo positivista, o attratto da esotici culti, o monolitiche religioni. Quindi un riposizionamento verso la parte più viva del pensiero cristiano, che fu capace di conquistare a se popoli e stati, con la stessa velocità con cui un fuoco si propaga d’estate nel sottobosco.

Un’apertura coraggiosa, o avventurosa, quella del Papa, visto come il Vangelo di Tommaso mal si integra, apparentemente, con la rigida ortodossia, o la struttura sacerdotale, propugnano una visione individuale, eroica, e non comunicabile, neppure dallo stesso Salvatore, della via da seguire per ritornare al Regno Celeste.

Il Vangelo di Didimo Thoma, o conosciuto dal grande pubblico come il Vangelo di Tommaso, è uno dei testi ritrovati nel 1945 nel deserto di Nag Hammadi (Egitto) . Il testo ritrovato è in lingua copta ed è attribuito al IV secolo d.c., ma gli studiosi ritengono che sia la copia di un originale del primo o del secondo secolo d.c. Quindi un testo frutto di uno scrittore che ha vissuto al tempo di Gesù Cristo, oppure negli anni immediatamente successivi, e che comunque ha goduto di fonti prossime ai fatti descritti nella sua opera.

La copia tradotta del Vangelo di Tommaso è composta da circa 110 Loghion, numero variabile a seconda degli esperti, e numerosi passi sono coincidenti con quelli dei canonici, facendo presagire un’unica e comune fonte. Il testo si apre con queste parole: “Questi sono i detti segreti pronunciati da Gesù, il Vivente, e scritti da Didimo Giuda Tomaso. ”

Ciò che emerge è quindi un insegnamento segreto che si contrappone, oppure integra, il messaggio universale del cristianesimo, o come quest’ultimo non sia altro che una versione essoterica del primo, ma anche come Didimo significhi fratello o gemello, in questo caso spirituale. Ciò quindi suggerisce come vi fossero dei cerchi più o meno prossimi al Maestro, come del resto è riscontrabile in ogni messaggio tradizionale che viene “trasmesso” da bocca ad orecchio.

Del resto il “vangelo” sposta la salvezza dal “fare” o “osservare” all’interpretazione mistica del messaggio, in questo modo pone il ricercatore oltre ogni ortodossia o ortoprassia, aprendo quindi ad una molteplicità di vie, quanto molteplici sono le espressioni dell’animo e dell’intelletto umano.

[1] Egli disse: “Colui che scopre l’interpretazione di queste parole non gusterà la morte”.

[3] Gesù disse: “Se coloro che vi guidano vi dicono: Ecco il Regno (di Dio) è in cielo! Allora gli uccelli del cielo vi precederanno. Se vi dicono: E’ nel mare! Allora i pesci del mare vi precederanno. Il Regno è invece dentro di voi e fuori di voi. Quando vi conoscerete, allora sarete conosciuti e saprete che voi siete i figli del Padre che vive. Ma se voi non vi conoscerete, allora dimorerete nella povertà, e sarete la povertà”.

Parole che ci giungono da un uomo vissuto circa 2.000 anni fa, e ridotto al silenzio negli ultimi 19 secoli, ma che sicuramente rappresentano oggi una delle possibili via di salvezza del pensiero cristiano.

Prima pubblicazione sulla rivista Abraxas numero 1, ( ABRAXAS numero 1 )

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: