Archivio per l'etichetta ‘blog

Il Regno di dio..è già presente..   Leave a comment


 

sono un teologo..eretico..potrei definirmi..gnostico.
Ho sempre creduto..che Gesù..la Parola..incarnata..del Creatore..dell’Universo..
è nello stesso tempo..colui..per..mezzo del quale..ogni cosa..è stata creta.. ( prologo del vangelo di Giovanni ) .
il Messianesimo..è..già presente.. la Fisica Quantistica..ha scientificamente dimostrato..che tutto l’Universo..è..materia..a diversi stadi..di concentrazione..secondo..l’equazione..di Einstein.. (E = mc2 è l’equazione che stabilisce l’equivalenza e il fattore di conversione tra l’energia e la massa di un sistema fisico. )
Si conoscono..ormai..scientificamente..attualmente..circa 8 diverse..materie.
“E indica.. l’energia contenuta.. o emessa.. da un corpo, “m” la sua massa e “c” la costante velocità della luce nel vuoto.

Venne enunciata da Albert Einstein nel 1905 nell’ambito della relatività ristretta, benché non compaia nel primo articolo sulla teoria del giugno, ma in un secondo del settembre intitolato “L’inerzia di un corpo dipende dal suo contenuto di energia?”[1].

È probabilmente la più famosa formula della fisica, grazie all’intreccio di novità, semplicità ed eleganza.

Si conoscono..scientificamente..circa 8 diverse,,concentrazioni..di materia..che spazia..da quella..elettromagnetica..l’unica visibile..dall’occhio umano..alla materia oscura..che è..approssimativamente..il 94% della materia esistente, .poi..esiste..un tipo di materia..chiamata..dagli scienziati..Forza debole;
questa materia..vibrazionale..è generata..dalle emozioni..che l’uomo..prova..con la sua intelligenza.
E’ l’unico..tipo..di materia..che ha la capacità..di attraversare..tutte le altre materie.
Questa forza..sarà..la responsabile..del cambiamento dell’ Umanità.
Cambierà..la coscienza..”circuita” dell’uomo..reso incapace..di sentire..la sua Coscienza..originaria.
Come insegnò..Gesù..il Regno di Dio..è..”dentro di noi..e fuori di
noi.” ” alza un sasso..e lì..mi troverai ” ” beato chi non cessa mai..di cercare..perchè..alla fine..troverà..il regno” ( vangelo..di Tommaso apostolo..fratello di Gesù..altrimenti detto.. ” detti segreti..di Gesù.
Questo è..quello che alla fine..ho trovato..
Questa..è la vera.. liberazione..dell’anima ..umana.
Andrea Sinicatti..blogger.. ( https://andreasinicatti.wordpress.com

Annunci

Pubblicato 6 settembre 2016 da sorriso47 in 9(11 truth, 9/11, 9/11 truth, agapè, Albert Einstain, Amina Tyler.., amore, anima, ANIMA ANIMUS, anima e corpo, animus, antica farmacia profumeria S.M.Novella, ASTROFISICA, attentato torri gemelle, Attualità, auto a risparmio energetico, auto ad acqua, auto ad idrogeno, AVVENTO DEL REGNO DI DIO, beauty, beauty of Universe, bellezza, blog, cambiamento, catene religiose, compassion, compassione, conflitto Israele Palestina, conoscenza, conoscenza di se stessi, contemplazione, corpo umano, corporeità umana, Coscienza Collettiva, coscienza originaria, creazione, cristianesimo, cuore di dio.., Dio, dogma, dogmatismo, dogmi, dottrina, dottrina sessuale, earth, Ebraismo, educazione, educazione sessuale, ENERGIA DEBOLE, energia elettromagnetica, energia gratis, energia pulita, energia senza fili, erich fromm, eros, esegesi, essere, estasi, etica sessuale, femminismo islamico, Fisica, fisica quantistica, fratellanza, gendre, genere, Gesù, Gesù Cristo, Gesù Cristo..frasi celebri, Giordano Bruno, Giuliana Conforto, giustizia, gnostici, Gnosticismo, God Father, God Mother, Gospel, grace, human creativity, il principio..era il Verbo, il Regno..., Il Verbo, inganno globale, Kesher Foundation, l'uomo è..eterno.., la bellezza..salverà..il mondo, la Grande Unione, la Natura è la mia religione, la nostra terra, la terra è il mio santuario, laici, le persone vengono nella tua vita..per..una ragione, LETTURE CONSIGLIATE, liberazione culturale, liberazione sessuale, libertà, Lobbies, Lobbies americane, love, manipolazione masse, manipolazione mediatica, manipulación mediática, maschio, Massoneria, Massoneria conservatrice, Media e tecnologia, medicina alternativa, medicina olistica, medicine naturali, mente interiore, mente razionale, menzogna, messianesimo, misericordia, mistificazione, morale, Nag Hammadi, Natura, naturismo, Nikola Tesla, Noam Chomsky, nude, nudismo, pace, Parola, Parola incarnata, Parola storica, parole segrete di Gesù, passion, passione, passioni, passioni umane, pedr mezzo di lui..tutte le cose..sono state..create, pensatori, perdono, piacere, Piergiorgio Odifreddi, Popoli e politiche, poveri, poveri in spirito, principio femminile, principio maschile, psichiatri, psicologi, psicologia, psicoterapia, regno di dio, riflessioni, sacro, salute, salute benessere, scienza, Scuola, segni, sensi, sensibilità, sensibilità naturale, sesso, sesso umano, sessualità, sessualità femminile, sessualità sacra, sessualità sacralizzata, sessualità umana, sex, sexual love, sexualidad, sexuality, Signore tu mi scruti..e mi conosci, società, Società e costume, Solidarietà, soul, soul and body, Spirito cosmico, spiritualità, spiritualità laica, spiritualità razionale, spiritualità tantra, Tantra, tantrismo, TED talks, Ted.com, teologia, terapia genica, terra, the beauty..and tenderless..of human..eros..love, theology, torri gemelle, truth, TULLIO SIMONCINI, tumore, Tutto è Uno, tutto non succede per caso, umanesimo, umanità, un altro mondo, Universe, Universo, uomo, uomo donna, VANGELO, vangelo di Tommaso, Verità, vita, vita dopo la morte, vitamina C, women's wriths, Wright, Yoga, yoni

Taggato con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

un consiglio ,ritengo,utile..   Leave a comment


come avete verificato andando a leggere i post nel mio blog..potete in un solo momente leggerne addirittura 40..
se pero’ cliccate sul titolo del singolo articolo che vi interessa.. potrete prendere in considerazione di leggerne altri collegabili per interesse..
scegliete voi..

guardate la differenza!

RILASSATEVI…PRIMA DI VOTARE…   Leave a comment


festival-internazionale-pranayama.jpgyoga-al-fiome-2.jpg

da REPUBBLICA on line giovedi 4 giugno..

Yoga all’aria aperta

 peter-pan-y-sus-amigos.jpg

Egr.Ministro Frattini..si vede che Lei e’ ebreo..!!!   Leave a comment


 il titolare della Farnesina, Franco Frattini, in un’intervista al Tg1 fa appello alla Lega Araba “perché finiscano i lanci di missili da parte di Hamas che purtroppo ha violato la tregua: è un’organizzazione terroristica e lo sta dimostrando”.

Il sito israeliano Debka: «La cinquantina di missili e razzi che Hamas ha lanciato a colpire Israele il 24 dicembre, insieme a decine di colpi di mortaio, rappresentano non oltre un quarto delle sue capacità, dicono nostre fonti militari. Ufficiali dell’Israeli Defense Forces calcolano che il gruppo palestinese fondamentalista può sparare 200 missili al giorno, alla pari con lo sbarramento fatto da Hezbollah contro la Galilea nella guerra del Libano 2006, con conseguenze devastanti in perdite umane e danni alle proprietà… Il gabinetto sulla sicurezza israeliano ha concluso che Israele deve ricorrere all’azione militare per spegnere la crescente pioggia di missili, mortai e razzi da Gaza, che mercoledì hanno lasciato 57 vittime di shock, di cui metà bambini, e rovinato case, veicoli, negozi, officine e strade. I ministri hanno tenuto conto che Hamas reagirebbe agli attacchi aerei israeliani su Gaza dispiegando i suoi missili a lungo raggio che si ritiene abbiano una gittata di 42 chilometri».

Strano che questo continuo sbarramento di missili, una cinquantina in un sol giorno, non faccia una sola vittima in Israele. Perchè, come ha scritto Yoel Marcus su Haaretz: «… Nessuno è stato ucciso dalla pioggia di razzi dopo la cessazione ufficiale della tregua (con Hamas). Ciò non significa che sia una situazione in cui sia possibile vivere, ma la reazione isterica del pubblico in generale e dei politici in particolare pare sorgere essenzialmente dal fatto che il Paese è in periodo elettorale».

I missili di Hamas, anche a 50 al giorno, non ammazzano mai nessuno nel territorio israeliano. Le 57 «vittime» di cui parla Debka, hanno subito «lo shock». In compenso, uno di questi razzi, venerdi, ha colpito una casa nella striscia di Gaza uccidendo due bambine, una di 5 e una di 13 anni: palestinesi.

Quando si tratta di ammazzare palestinesi, i razzi palestinesi sono efficacissimi, mica producono solo «shock». Fanno cilecca solo contro gli israeliani.

Lungi da me, che non ho mai fatto il militare, dare consigli ai comandi di Hamas; ma se fossi in loro, darei una ripassata ai von Braun di casa, prima di fare la guerra ad Israele. C’è qualcosa che non funziona nella tecnologia, e dopo anni di lanci, dovrebbero cominciare a chiedersi cosa.

Il puntamento approssimativo? La carica esplosiva insufficiente? Il comburente annacquato?

Non è possibile andare avanti così, signori fondamentalisti islamici. Dovreste aver capito che i vostri mezzi balistici – che fanno al massimo un buco su un pezzo d’asfalto, o rovinano qualche tegola – attraggono invariabilmente una reazione israeliana di volume cento volte superiore, con elicotteri, missili teleguidati, bombe intelligenti radar-guidate, bordate d’artiglieria navale, ferro e fuoco da cielo, terra, aria.

Un proiettile del cannone del carro armato Merkava – ci hanno fatto vedere in TV un caro soldatino che lo caricava – è già più lungo dei vostri razzi, ed enormemente più esplosivo; infallibile nel puntamento, grazie all’apparato elettronico che nel Merkava consente il tiro mirato anche mentre il carro armato corre sobbalzando.

Debka dice che quelli di Gaza, con 50 lanci, hanno usato «solo un quarto delle loro capacità»; che possono lanciare anche 200 missili, «alla pari con la potenza di fuoco di Hezbollah» nella guerra del Libano.

Uno si domanda: 200 missili al giorno, o 200 missili in tutto? Se poi vogliamo chiamarli missili.

Quelli di Hezbollah erano numerosi, eppure non produssero «perdite devastanti» fra gli israeliani, nonostante tutto lo sforzo della propaganda di portare i giornalisti e le troupes TV a vedere i danni.

Debka informa che Hamas dispone di missili «a lungo raggio»: 42 chilometri. Non si sono mai visti, simili razzi. Ma decisamente, la tecnologia di Hamas avanza e migliora di giorno in giorno. Con una simile gittata, la cosa si fa seria. Tanto che (dice Debka) «una striscia di 30 chilometri con 30 località è stata collegata con il sistema di allarme precoce del Comando Interno; unità operative sono state spiegate nella zona con squadre di pronto soccorso, antincendio e salvataggio… 200 ambulanze sono in allerta nella zona sud-occidentale di Israele».

Già questo dovrebbe indurre i comandi di Hamas a rinunciare: contro i loro 200 missili, gli israeliani mettono in allerta 200 ambulanze. Una per ogni missile. La disparità di mezzi è evidente anche solo da questo.

D’altra parte, si può obbiettare che anche le capacità israeliane non sono eccelse quanto sembrano.

Israele controlla tutti i varchi da cui entrano merci a Gaza; anzi li ha chiusi tutti, al punto che delle 47 panetterie di Gaza, ne lavorano oggi solo 14; e ci sono file lunghissime di gente in attesa del pane; i rifornimenti bastano per 24 ore.

Ebbene: Israele riesce a non far passare la farina nè i medicinali, ma non riesce a bloccare i materiali che servono per la fabbricazione di 200 razzi, missili o quel che sono, tanto più di 42 chilometri di raggio?

Gaza non riesce a procurarsi il pane (e non parliamo del companatico); dipende dalle razioni dell’ONU; com’è che invece riesce a procurarsi lunghi tubi d’alluminio o d’acciaio speciale, tonnellate di esplosivo per 200 testate, attrezzature sofisticate per motori a razzo (mica facili da fabbricare in una officina, senza elettricità e forza motrice, specie per gittate da 42 chilometri), oltre che combustibile e carburante per i motori?

Quelli sono materiali voluminosi, altamente infiammabili e instabili, pericolosi da trasportare. E a proposito: i razzi palestinesi vanno a combustibile liquido o solido? Nessuno ce lo spiega mai. Ma lasciamo correre.

Tutta roba che arriva dai tunnel che Hamas ha praticato sotto il confine con l’Egitto, si potrà rispondere. Anche a voler ammettere che Hamas usi questi tunnel solo per rifornimenti bellici e non per la farina, condannando alla fame i suoi palestinesi (si sa, Hamas è irrazionale, tutti i musulmani sono ferocemente irrazionali), la cosa non convince.

Israele sorveglia ogni metro quadrato di Gaza. Con i satelliti suoi e americani, con tutti i suoi droni senza pilota, con tutti gli altri apparati di sorveglianza elettronici per cui è leader di mercato mondiale, con le spie interne che assolda (e ne trova, perchè spiare per Israele è magari la condizione per poter mandare la mamma o il figlio malati in un ospedale israeliano) Israele è in grado di rilevare qualunque movimento sospetto in quel fazzoletto di terra: tanto è vero che quando vuole colpisce persone precise, di cui conosce l’identità e la intenzioni, e le incenerisce seduta stante.

Com’è che questa impareggiabile e sofisticatissima sorveglianza preventiva fa cilecca, quando si tratta di missili e loro parti? Rilevano un’auto con dentro un paio di militanti di Hamas, e poi non rilevano camion che portano bombole di comburente ossigenato? E quintali di cordite?

C’è una falla nel sistema israeliano. E’ uno scandalo che deve finire: danneggia anche il business, l’immagine commerciale del massimo venditore mondiale di rinomati sistemi di repressione.

——————————————————————————–

armi_palestinesi.jpgArmi palestinesi

armi_israeliane.jpgArmi israeliane

——————————————————————————–

Ma ammettiamo che l’armamento pesante di Hamas venga contrabbandato attraverso i famosi tunnel. Questi tunnel comunicano con l’Egitto. Allora bisognerebbe ammettere che l’Egitto, sotto sotto, arma Hamas contro Israele.

Ma non è così. Il Cairo ha tenuto bordone all’assedio di Gaza e alla sua morte per fame, mantenendo chiuso il varco di confine di Rafah. E come ha riportato Al-Quds al-Arabi, quotidiano pubblicato a Londra, il 24 dicembre, Amos Gilad, il capo del settore diplomazia-sicurezza del ministero della Difesa israeliano, s’è incontrato al Cairo con Omar Suleiman, capo delll’intelligence egiziano, per comunicargli l’intenzione di compiere l’annunciatissima incursione a Gaza. E Suleiman ha risposto che l’Egitto non si oppone se lo scopo è limitato al rovesciamento di Hamas.

Pochi giorni prima, dopo che Israele ha maleducatamente respinto una debole proposta di Mubarak di ritentare di arrivare a una nuova tregua (anche quella di prima era stata mediata dall’Egitto), si è limitato a chiedere che Israele si comporti con «restraint», nella sua azione militare contro Gaza. Che si trattenga un po’, insomma.

Del resto anche gli europei, anche l’ONU, hanno detto sì: solo, hanno chiesto gentilmente di poter portare qualche camion in più di cibo dentro Gaza, in modo che sotto le bombe i palestinesi, oltretutto, non comincino a morire anche di fame – come in ogni lager che si rispetti, o sarebbe «una catastrofe umanitaria».

Israele ha generosamente consentito, «sotto le fortissime pressioni internazionali». Così tutto è moralmente a posto, potremo guardare in TV l’attacco, sicuri che non è una catastrofe umanitaria. Anzi, guardare probabilmente no: non ci saranno telecamere a Gaza, saranno tutte a Sderot, a riprendere le tegole sbrecciate dai missili palestinesi che ammazzano solo palestinesi.

A nessuno è simpatico Hamas. Non ha alleati. Anzi no, contrordine: notoriamente, Hamas è aiutata ed armata da Iran (come?) e da Hezbollah. Per questo i capi di Hamas continuano a tirare i loro razzi contro Sion; perchè sanno di avere le spalle coperte.

Infatti, c’informa la preziosissima Debka: «Hamas ha fatto appello a Teheran il 25 dicembre, chiedendo che l’Iran la sostenga con la minaccia di intervenire se Israele lancia un attacco contro la striscia di Gaza… Khalaad Meshal, il capo del politburo di Hamas che ha sede a Damasco ha telefonato a un funzionario dell’ambasciata iraniana chiamato Abolfazl ed ha chiesto con urgenza una dichiarazione da Teheran che scoraggiasse Israele dall’attacco».

I capi di Hamas non hanno manco una linea con il Supremo Ayatollah, o almeno con Ahmadinejad. Sono ridotti a chiamare a caso l’ambasciata iraniana a Damasco e a parlare al primo che alza il telefono – tale Abolfazl, di cui nemmeno il Mossad sa nulla – per chiedere un aiutino.

E che aiutino: mica armamenti, e nemmeno minacce d’intervento, ma una dichiarazione che intimorisca Israele.

Dunque Hamas non vuole la guerra, sta cercando di dissuadere attraverso Teheran. Non sarebbe più semplice se smettesse di tirare quei missili, che non beccano mai un bersaglio che sia uno?

E Teheran? Escluso che accenda i motori dei suoi jets, che li carichi con le sue bombe atomiche (ce le ha, e se non ce le ha le avrà), e voli per tremila chilometri a colpire l’Agnello di Sion, farà almeno la dichiarazione per intimidirlo? Si sa che Israele tende facilmente a lasciarsi intimidre. Da dichiarazioni, soprattutto.

Invece no. Persino Debka deve ammettere che «dopo l’SOS di Hamas», il consiglio di sicurezza nazionale dell’Iran «ha deciso di non rigettarlo immediatamente, ma di informare Meshaal che l’Iran attendeva gli sviluppi e che seguiva da vicino le operazioni militari israeliane per vedere come si sviluppavano». Come facciamo tutti, Meshaal.

Andato buco questo tentativo, Meshaal fa un’altra telefonata: A Nasrallah, il capo di Hezbollah a Beirut. Stavolta, informa Debka, «usando la loro speciale linea telefonica» (dunque il Mossad intercetta la speciale linea telefonica di Hezbollah: come mai non intercetta i missili e i razzi di Gaza?). E cosa chiede il capo di Hamas all’alleato, il temibile Hezbollah?

«Una dichiarazione di sostegno al popolo di Gaza». In questo caso però, «con l’aggiunta di una velata minaccia di aprire un secondo fronte contro Israele attraverso lanci di razzi dal Libano».

Un secondo fronte! Allora sì che l’Agnello di Sion, con le sue povere 200 bombe atomiche, vettori balistici, F-16 a dozzine, e carri Merkava a centinaia, viene veramente minacciato nella sua stessa esistenza!

Non che debba dare corso alla minaccia, Hezbollah; basta che la ventili «velatamente». E come ha reagito Hezbollah?

Con qualche «frase emotiva sulla ‘sofferenza’ dei palestinesi e il loro ‘eroico atteggiamento’ di fronte alla ‘aggressione’ sionista» (le virgolette sono di Debka. Insomma, nessuna minaccia di entrare in guerra a fianco di Gaza. Nulla. Secondo Debka, «L’Iran ha ordinato a Nasrallah di evitare di fare minacce pubbliche».

Hezbollah infatti, come sanno tutti, è agli ordini di Teheran.

E però non obbedisce. Infatti, il 26 dicembre, «militari del genio libanese scoprono e disinnescano 13 razzi (di Hezbollah) puntati sulle città del nord Israele». Li abbiamo visti, finalmente, questi razzi; ce li hanno mostrati nei telegiornali, li hanno trovati in territorio libanese controllato da UNIFIL, ossia dall’ONU; hanno fatto vedere un nostro generale italiano vicino a questi razzi. Lunghi, neri, in mezzo a un frutteto.

Ci sono, ci sono i razzi, come dubitarne?

Strano solo questo: che nel 2006, quando Israele aggredì Hezbollah, il glorioso Tsahal non riuscì a scoprirne uno solo, dei numerosissimi razzi che Hezbollah aveva – evidentemente – nascosto benissimo. Tant’è vero che la gloriosa aviazione di Sion dovette bombardare tutto il Libano, case, scuole, centrale elettrica e centrale del latte compresa, per cercare di colpire (alla cieca) una di queste postazioni. Invisibili, imprenditbili, sotterranee.

E invece stavolta, Hezbollah mette i suoi 13 razzi in un frutteto. In piena vista, tanto che li scoprono i famosi genieri dell’armata libanese, e il generale italiano dell’UNIFIL – immediatamente avvertito della scoperta – li va a vedere, e tutte le telecamere sono lì a riprendere.

Debka riferisce: «I razzi sono stati disattivati appena prima che i loro apparati a tempo li lanciassero contro Naharya e Maalot». Capito?

I terroristi Hezbollah fanno così: piazzano i razzi nel frutteto e se la squagliano, dopo aver caricato i timer. Ecco perchè Sion, nel 2006, si è fatta cogliere di sopresa dalle tattiche Hezbollah.

Strano però che i Caschi Blu dell’UNIFIL, che sono lì da mesi e non hanno mai trovato nulla, di colpo si fanno bagnare il naso dai genieri del Libano; che proprio lì trovano razzi Hezbollah pronti al lancio. E proprio quando Israele ha bisogno di una prova dell’esistenza dei fantomatici razzi, per giustificare il suo attacco per rovesciare Hamas. Molto strano. Che razzi sono, poi?

Debka ce lo spiega: «Otto lanciarazzi iraniani ultimo modello, capaci di doppio caricamento, sicchè ciascuno lanciatore può sparare 16 razzi. Non tutti erano completamente carichi. I genieri libanesi (sempre loro!) hanno trovato 13 razzi con un raggio di 20-22 chilometri. Tre dei lanciatori erano pronti a sparare razzi RAAD da 107 millimetri e cinque erano caricati con Grad-Katyusha da 122 millimetri».

Insomma sono katyushe, non proprio missili. Certo fanno impressione nelle foto e nei TG: lunghi neri, messi lì sui loro trespoli. Un po’ più impressionanti di quelli che certe agenzie hanno passato, in queste ore, come «razzi di Hamas».

Una di queste foto ve la proponiamo qui.qassam.jpg

Come vedete, ci sono terroristi mascherati: sicuramente di Hamas. In un verde frutteto, verdeggiante in pieno inverno. Guardate bene il razzo, con quella temibile testa verniciata di rosso. Il fotografo l’ha ripreso dall’alto (sarà salito su una scaletta?) e col grandangolo.

Fa paura, vero? Ma sotto la testata, cosa vedete?

Non c’è il motore del missile, nè i serbatoi del carburante, come occorre per un razzo di presunta gittata di 15-20 chilometri. C’è una canna metallica di piccolo diametro. A guardar bene, non è un missile, e nemmeno un razzo: è un RPG, un’arma anticarro vecchia, che certo ha un raggio non superiore a mille metri.

Kawter Salam, un blogger che scrive da Gaza raccontando giorno per giorno la vita nel lager assediato e bombardato, protesta: «Come l’agenzia ORF (agenzia tedesca che ha pubblicato la foto) e gli altri media vengono in possesso di una tale immagine – c’è anche il video – che presuntivamente mostra “guerriglieri di Hamas” che sparano razzi tra gli alberi da frutta?».

«Hamas ha portato i giornalisti sul posto per mostrare le proprie attività militari? Hamas ha arrestato dei giornalisti che cercavano di riprendere casi come questo».

«Se c’è motivo di dubitare che questi razzi vengano sparati da Gaza, da quale altro posto possono essere lanciati? Dal territorio di Israele, magari? E’ possibile che il lancio di questi razzi sia un campagna di propaganda dell’IDF per “giustificare” il massacro, da tempo pianificato, del popolo di Gaza?».

«Può essere che l’IDF usi gli abitanti di Sderot, di Askelon e di altri luoghi (israeliani) attorno a Gaza per fabbricare una giustificazione per il genocidio di un popolo che è già quasi mezzo morto per fame?».

«E perchè nessuno pone queste domande prima di mostrare video di questo tipo da diverse TV europee?».

Perchè se no ci chiamano antisemiti, Salam, che forse non sopravviverai domani. Addio, e buon Natale.

POVERA PATRIA….   Leave a comment


tremonti.jpgpadoa-schioppa-thumb.jpgmaroni-lega.jpgangelinoalfano.jpg[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/3UUS65a1c6Y" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Piani di salvataggio per le banche
Piani di aiuto alle industrie
(tutto con i soldi dei contribuenti )
Non capisco molto di economia..
solo mi domando se sarebbe meglio istituire un fondo pubblico

per rivedere le rate dei mutui sull’acquisto di case
ed aiutare cosi le famiglie dei lavoratori a pagarli..
In una crisi del genere..
ancora si permette una tassazione del 12,50 % sui guadagni di Borsa
si permette una tassazione sempre del 12,50 % sui guadagni delle vendite degli immobili..
gli stipendi sono sostanzialmente fermi da 10 anni..
” La Corte dei conti ha rilevato che di tutta l’evasione fiscale che viene accertata, solo il 7,37% viene poi effettivamente recuperato. Va meglio con i recuperi dell’evasione previdenziale, pari al 22,95%. Bisognerebbe individuare le cause”

Non ho le “competenze” di Padoa Schioppa o di Tremonti..ma una cosa sò..

che se diminuissero l’IVA dal 20″ al 2%

sulle prestazioni dei liberi professionisti (avvocati ,commercialisti,dottori,idraulici,…)

saremmo i primi a richiedere la ricevuta fiscale..

lo Stato perderebbe,ammettiamo,il 18% sull’IVA..

ma guadagnerebbe circa il 40% di IRPEF sulla prestazione..

Furono tredicimilioni….   2 comments


Cominciamo con una domanda:

quanti furono gli esseri umani soppressi

 nei campi di sterminio nazisti?

Furono tredicimilioni. 

Si, 13.000.000 di persone: 

6 milioni di ebrei

e 7 milioni fra anti-nazisti

e antifascisti

(non necessariamente comunisti),

nemici della Germania, 

disabili mentali e motori,

zingari di varie etnie,

omosessuali,

Testimoni di Geova,

immigrati, perfino gemelli,

molti previa tortura,

altri usati per esperimenti atroci. Non molti se lo ricordano.

Chiedete intorno a voi!  

Mi riguarda”

è il contrario di

“me ne frego”,

diceva Don Milani.

 (Duccio Blog)

Pubblicato 5 ottobre 2008 da sorriso47 in giornalisti, Nazionalsocialismo, Scuola

Taggato con ,

La Santanchè ed il Sindaco Alemanno e il Ministro Maroni..   Leave a comment


daniela-santanche.jpg[kml_flashembed movie="http://www.agenziami.it/articolo/706/Maroni+in+visita+alla+Sinagoga/" width="undefined" height="undefined"/]

Santanchè: «Sono stati momenti orribili» – Corriere della Sera 

Ho visto per intero.. la puntata in questione..ed è a questa che mi riferisco..

( quanto è accaduto è successo fuori programma..durante una pausa pubblicitaria..)  

E’ opportuno ricordare che la Santanchè ha impostato la sua campagna politica..

nelle fila di Storace..con queste frasi ad effetto..

che esternano  concretamente il suo  pensiero in fatto di “convivenza civile”.. 

“il Sindaco di Roma Veltroni..aveva detto che tra i   suoi interessi futuri..

c’era l’aspirazione di fare il volontario in Africa..ed invece…

Lui !!!!..gli Africani..ce li ha portati ..Qui..!!!!!!!” 

Sul finale della trasmissione,durante la quale non ha fatto che ripetere.. 

che lei ..difende..i “diritti” degli immigrati regolari..

che spera..di vedere i loro figli..andare a scuola ..con i suoi.. 

(un distinguo dal pensiero leghista espresso ultimamente nel “Vangelo di Gentiloni”  )

La Santanchè ha  detto la sua opinione..riguardo agli “sceriffi nostrali..” 

“Hanno dato..”

(ma il ministro dell’Interno..Maroni non è stato rammentato)

 “competenze di ordine pubblico alla Polizia Municipale..senza un minimo di formazione..adeguata..” 

non vi è alcun dubbio.. riguardo al buonsenso.. che pare “ispirare” un tale ragionamento.. 

peccato che a  non farlo per “primo”..

sia stato il Ministro in questione..colpevolmente… 

La cronaca politica ci informa …

che la Santanchè si è staccata dal partito della Destra di Storace

(prima era di An..ma quando ha constatato che per lei non c’era una poltrona..

allora è entrata nella Destra..

ora  approderà.. appena possibile..nel Partito  delle Libertà.. )

La Santanchè non tiene però conto..che non è….

la “formazione adeguata” quella che manca.. 

Quella che i “sindaci sceriffi” stanno attuando nella pratica.. 

è il modo in cui la stanno applicando.. concretamente..e sempre più..frequentemente.. 

“talune “..Forze dell’Ordine della Repubblica Italiana.. 

i cui ideali..si ispirano obbiettivamente..

a quelli della Repubblica Sociale Italiana..

ed alle imprese passate..del Ministro dell’Interno Scelba.. 

Distinguo del genere..(alla Santanchè..)

sono anche le prese di posizione del Sindaco di Roma..Alemanno..

(iscritto al Partito Kadima..quello israeliano di Olmert..) 

Il fatto che ne faccia parte…può sembrare ai più..come una scelta coraggiosa..

di chi sia disposto a rivedere autocriticamente..personali vedute..

in realtà  lo stesso Alemanno ha tenuto a precisare ripetutamente..

che non è fascista storico.. e che queste accuse gli sono venute bellecchè a noia..

e’ un uomo animato dai principi della nuova destra..

quelli ispirati..se ne deduce..dal partito israeliano.. 

Gli interessi e le posizioni di un tale uomo politico..

sono presto elencate..

Assistiamo ad  una unica dichiarazione..

a  conseguenza..di una scritta 

apparsa fresca fresca..sui muri capitolini..il 3 Ottobre..

prima si vede..dormiva.. 

ROMA (3 ottobre) – Scritte sui muri inneggianti alla morte di Anna Frank 

“Anna Frank suicida” (accanto una svastica)… 

sono apparse nei giorni scorsi sui muri del VI Municipio, in via di Torre Annunziata.

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno,

appena saputo dell’accaduto

ha dato immediato incarico di cancellare le «vergognose scritte».

Ed ha dichiarato: «Condanno con forza, anche a nome di tutta l’amministrazione capitolina,

questi atti scellerati che offendono la memoria di chi ha vissuto e pagato con la vita

una delle più aberranti forme di discriminazione razziale».

” il diario di Anna Frank…è una delle più toccanti e vere testimonianze della tragedia di una giovane donna,

simbolo di un popolo che ha sofferto la follia dell’antisemitismo».  

——————————————————

Ma è forse presunzione ideologica..se  viene da  pensare..

che scritte di  una tale “idiozia” e di una tale “astoricità”..

 siano da attribuire, presumibilmente,

più a menti malate della destra attuale.. 

(presumibilmente a “provocatori” )

che a “collettivi” di sinistra? 

Lettera Al Sindaco di Roma
On. Gianni Alemanno

Onorevole Sindaco,
purtroppo per la gloriosa storia antifascista della nostra città, medaglia d’Oro alla Resistenza,

apprendiamo da manifesti appesi per le strade di Roma

che anche quest’anno.. l’organizzazione fascista Forza nuova…

 svolgerà il suo “Campo d’Azione”,

momento di aggregazione per i giovani di estrema destra

che da 5 anni imperversano nella nostra regione,

fino ad arrivare sul suolo della nostra città.

La Federazione Giovanile dei Comunisti Italiani di Roma…

reputa inconcepibile e vergognoso

che sia dato anche solo uno spazio a idee

che richiamano il momento più buio e drammatico della storia della nostra nazione

e che, a maggior ragione, vengano tollerate iniziative…

che sono uno smacco alla democrazia che lo stesso Presidente della Camera,

facente capo al suo stesso partito e quindi di certo lontano anni luce dalle nostre posizioni,

ha tenuto a sottolineare.
Già da due anni la FGCI di Roma e del Lazio chiedono…

 che questi “Campi d’odio e di violenza culturale”

siano annullati in qualunque luogo della nostra regione essi vengano organizzati,

 senza alcuna risposta in merito.

Vorremmo rivendicare la nostra Carta Costituzionale..

 come unico baluardo contro la disgregazione degli ideali democratici e antifascisti

che si perdono per la carenza informativa e per l’assopimento politico

che vuole far credere che “gli estremi sono uguali” e che noi riteniamo frase inaccettabile,

perché se noi e lei possiamo discutere politicamente di una questione come questa

 è grazie alla lotta partigiana che ha liberato l’Italia dal nazifascismo

e non di certo grazie a chi ha governato l’Italia per 20 anni

tappando la bocca alla libertà di parola, di stampa, di pensiero.
Quindi, Onorevole Sindaco,

pur nella battaglia che noi politicamente continueremo a farle…

 contro un programma che non condividiamo in nessun punto

e che sta dimostrando giorno dopo giorno tutte le sue lacune,

oggi Le chiediamo …

da amministratore democraticamente eletto dai cittadini di questa città…

di non permettere lo svolgimento del “Campo d’Azione” di Forza Nuova

del 3-4-5 ottobre…

presso Casa Montag, luogo all’interno del quale si respira quotidianamente..

un clima d’odio, di violenza, di xenofobia e di revisione completa e orrenda

della nostra storia Repubblicana.
Distinti saluti, La Federazione Giovanile dei Comunisti Italiani
Coordinamento romano 

——————————————————————-

Il Sindaco di Roma ed il Ministro dell’Interno Maroni..alemanno-sinagoga.jpg

si sono “precipitati” …

all’inizio dei loro incarici pubblici..(ed hanno fatto benissimo!!!).. 

a fare visita alla Comunità ebraica italiana.. 

Non era forse  “doveroso” ed “opportuno”..

fare una visita simile..“anche” ..

 alla Comunità “mussulmana”..a quella “rumena” ed a “quella” dei Rom?   

—————————————————–  

 Ciampino- denuncia di una donna somala   

Roma- cinese malmenato da un gruppo di ragazzi italiani   

Il fascismo non fu un male assoluto-( 7 settembre 2008)

I giovani di An contro Fini- “non saremo mai antifascisti”   

Maroni in visita alla Sinagoga  -27 maggio 2008

(vedetevi il filmato e capirete da “che pulpito” (leghista) ..

viene la predica..

(i suoi colleghi di partito..tipo Borghezio..

vanno a pisciare sui terreni delle costruende  moschee ) 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: