Archivio per l'etichetta ‘debiti banche

Così la finanza parassitaria ci ha portato nella crisi (500° post !!! )   Leave a comment


I guasti dell’economia globale nell’ultimo libro di Federico Rampini. Le cure escogitate per contrastare la grande recessione hanno provocato distorsioni e ingiustizie. La sindrome del “Too Big to Fail” è diventata il ricatto di Wall Street nei confronti dell’intera nazione americana

di FEDERICO FUBINI

banchieri

Quando è arrivato Hibernia Atlantic, era da oltre dieci anni che non si osava prendere un’iniziativa del genere. Da quando la bolla della new economy era scoppiata al giro di boa del millennio, nessuno aveva più posato un cavo a fibre ottiche sul fondo dell’Atlantico.

Poi nel 2011 è stato fatto, qualcuno ha depositato “ventimila leghe sotto i mari” Hibernia Atlantic: ma non era un cavo come gli altri, quelli percorribili da centinaia di milioni di persone che hanno qualcosa da comunicare da una sponda all’altra dell’oceano.

No, quella era un’infrastruttura per pochi: per gli operatori del cosiddetto “high frequency trading”, gli scambi “ad alta frequenza” che puntano a registrare guadagni sul mercato azionario o sui cambi grazie alla rapidità delle operazioni misurata in millisecondi.

Sono operazioni dietro le quali non c’è alcun calcolo razionale sulla qualità di una certa azienda, sui tassi d’interesse o la forza di un’economia o sul modo migliore di allocare il capitale in modo che sia più produttivo, crei più posti di lavoro, porti crescita per tutti.

La sola cosa che conta è la velocità, a costo di perdere il controllo e destabilizzare l’intero listino principale di Wall Street come accadde per il 6 maggio 2010. E Hibernia Atlantic è un cavo che può far guadagnare “ben cinque millisecondi”, scrive Federico Rampini senza riuscire a trattenere il sarcasmo.

Corrispondente di Repubblica a New York, Rampini nel suo ultimo libro (Banchieri. Storie dal nuovo banditismo globale, Mondadori) racconta una gran quantità di storie come questa.

Lo fa per guidarci fra i paradossi dell’Occidente sei anni dopo il giorno in cui qualcosa di spezzò per sempre con il fallimento di Lehman Brothers.

“Se rinasco, in un’altra vita vorrei insegnare l’economia ai bambini – confessa l’autore – Perché crescano armati degli utensili giusti, perché nessuno li possa ingannare con il linguaggio dei tecnocrati”.

E forse Banchieri non è un libro scritto nell’idea di farlo distribuire nelle scuole elementari o medie, ma fin dalle prime pagine si avverte il tentativo di parlare ai non addetti ai lavori.

Il messaggio di fondo del libro, nello stile prima ancora che nei contenuti, è che non devono essere sempre e solo gli esperti a poter parlare con cognizione di causa delle assurdità del sistema finanziario globale. Tutti devono poter capire.
A sei anni dall’esplodere della crisi (“la Grande Contrazione”), Rampini non fa che trovare conferme di quella che per lui è la natura parassitaria delle banche. Ovunque getti lo sguardo, in Italia come negli Stati Uniti.

A New York, nota come i banchieri di Wall Street siano diventati più arroganti e i loro istituti più esposti a rischi scriteriati dopo che la Federal Reserve e il governo americano sono intervenuti per salvarli. La sindrome del Too Big to Fail, “troppo grande per fallire” (o meglio: perché si possa lasciar fallire) è diventato la realtà finanziaria delle mega-banche salvate nel 2008-2009 e implicito ricatto di Wall Street nei confronti di una nazione intera.

Il bilancio di Lehman era di 637 miliardi di dollari quando la banca saltò. Quello di Jp Morgan oggi è di 2.300 miliardi, cresciuto a dismisura proprio perché i manager dell’istituto sanno che il governo americano dovrà comunque aiutarli in caso di difficoltà, pena un’altra detonazione nucleare ancora peggiore.

Neanche l’Italia sfugge alla critica. “Nel corso del 2012 le banche hanno tagliato alle imprese italiane 44 miliardi di euro di finanziamenti”, constata Rampini. Quelle stesse case finanziarie, spesso dai nomi blasonati, hanno assorbito in silenzio la loro parte dei 500 miliardi netti – o mille miliardi lordi – di prestiti straordinari della Bce.

“I banchieri si sono incamerati gli aiuti di Draghi – accusa l’autore – ma non hanno restituito nulla al paese.

Hanno negato agli imprenditori veri le risorse indispensabili per produrre, esportare, assumere”.

Non c’è però solo l’indignazione, nel discorso di Banchieri. C’è anche una buona dose di (amara) riflessione, per esempio sul ruolo sempre più scomodo che hanno dovuto assumere le banche centrali nelle società occidentali. Quando hanno sospeso tutte le cautele e si sono messe a stampare denaro, la Federal Reserve americana o la Bank of Japan hanno sì salvato il mondo avanzato da una spirale depressiva simile a quella degli anni ’30. Ma lo hanno fatto dopo aver mancato di vedere che si sarebbe arrivati a un punto di rottura e producendo nuove distorsioni e vantaggi per i più ricchi in seguito.

La creazione di liquidità tiene a galla l’economia, ma lo fa premiando chi può investire di più nei mercati finanziari. Draghi alla Bce o Ben Bernanke alla Fed hanno assunto un ruolo che Rampini definisce di “onnipotenti”.

Ma proprio l’aver bisogno di eroi del genere dà la misura della nostra fragilità.

“Il culto della personalità – dice l’autore a questo proposito – può raggiungere talvolta delle vette imbarazzanti”.

La terza vena che attraversa il libro, forse la più sentita, è quella personale. Più che un saggio, Banchieri è il diario di una vita vissuta attraverso la crisi. La moglie Stefania che abbandona la professione di trader a San Francisco e passa a contratti a tempo, anno dopo anno, a New York.

Il fastidio all’apprendere che Kathy, l’insegnate di yoga kundalini, dia lezioni speciali per i banchieri di Goldman Sachs. Il frastuono di New York che ti insegue fino al 31 esimo piano, da cui si riesce a fuggire solo nei concerti di Bach in una chiesetta evangelica luterana vicino a Central Park. Anche questo forse è downshifting, scalare alla marcia più bassa, o downsizing, ridimensionare il tenore di vita: espressioni passate di colpo dal gergo dei grandi gruppi industriali a quello delle famiglie. E se qualcuno alla fine chiedesse dov’è la pars construens, la via d’uscita, la risposta è pronta: “Insegnate l’economia ai bambini”.

rampini

Il futuro? “Giovani, ve lo dovete prendere: a gomitate. Viaggiate! Ma non solo all’estero. Anche in Italia, per mettere in discussioni ideologie soffocanti. E scoprire le nostre eccellenze, perché è su queste che bisogna costruire”. Non è un dibattito, ma un “processo”, quello che va in scena nella Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale con il corrispondente di Repubblica da New York Federico Rampini e il direttore della Banca d’Italia Salvatore Rossi al Festival della Scienza. “Un processo per trovare un colpevole, e rispondere alla domanda: chi ha rubato il futuro ai giovani? — incalza Rampini, rivolgendosi ai ragazzi in sala ma anche alle tante “pantere grigie” — L’idea, radicata nel nostro Paese, è che i colpevoli siamo noi. Ovvero, quelle generazioni che hanno accumulato privilegi, che hanno vissuto l’epoca delle vacche grasse contribuendo allo spreco di risorse. Lo abbiamo sentito ripetere dai nostri governanti a iosa. Ma questa è una falsità, una mistificazione ideologica: solo in Italia si rappresenta la crisi in termini di conflitto generazionale. Giovani, faccio un appello: non siate pigri, non lasciatevi sedurre dalle ideologie che trovate sul mercato, rimettete tutto in discussione”.
GUARDA LE IMMAGINI
Ma dove va ricercata, la colpa della crisi? Il direttore della Banca d’Italia, Salvatore Rossi, punta il dito contro gli anni Settanta: “In quegli anni — riflette — c’è stata una svolta anche negativa: oggi il denaro pubblico a disposizione è molto poco, e abbiamo un debito molto alto che ha iniziato a formarsi in quegli anni di furore ideologico. E’ in quel periodo che è stato costruito un sistema di welfare inefficiente. E quei disastri, non solo finanziari, ma anche relativi alle regole del gioco, all’istruzione, pesano ancora su di noi”.
Non è d’accordo Rampini, che invece attacca la politica di austerità ispirata dalla Germania: “Siamo prigionieri delle idee di qualche economista defunto — spiega, e parte l’applauso — l’idea che la priorità sia quella di ripianare i conti pubblici risale agli anni Trenta. Angela Merkel si riferisce a pensatori ancora più defunti di Keynes. E allora, ragazzi, non scambiate l’economia per una religione e studiatela: vi serve come cittadini per non essere succubi di queste mistificazioni ideologiche. Il debito pubblico, insegnava Keynes, non è il condensato dei peccati: è uno strumento di politica economica. Se confrontiamo i tassi di disoccupazione giovanile di altri paesi vedrete che gli Usa hanno un debito pubblico, in proporzione al loro Pil, più alto del nostro e un tasso di disoccupazione giovanile che è la metà del nostro”.
Le vere storture, piuttosto, secondo Rampini sono da ricercare altrove: “Non aver colpito fino in fondo l’evasione fiscale, per esempio. E poi, i sussidi di Stato depredati dalla Fiat: un vero esempio di capitalismo parassitario. Ecco: questo è il processo che vorrei sentire più spesso in Italia”.
Il consiglio, per i ragazzi in sala che si alzano in piedi e chiedono come fare, per riprendersi il futuro per le mani, è di «apprendere continuamente — suggerisce Salvatore Rossi — perché se una volta bastava andare a scuola e imparare le nozioni, ora il mondo cavalca un cambiamento continuo».

E poi, aggiunge Rampini, “viaggiare. All’estero, ma anche in Italia. Per scoprire, per esempio, che la città di Pechino da molti anni acquista il modello di formazione professionale dalla provincia autonoma di Trento”. Infine, dinamismo. Perché «il neolaureato americano — aggiunge Rampini — se non riceve una risposta, fa scattare il piano B: il lavoro se lo crea». Il futuro non è stato rubato: bisogna costruirselo.

Contro il Signoraggio delle Banche..Sara Tommasi   Leave a comment


 

Chi salverà l’Italia dalla morsa delle banche d’affari? Di Pietro, Bersani, Casini, Vendola, Diliberto, Scilipoti, Grillo? Nessuno di loro. Il nuovo Robin Hood si chiama – udite, udite – Sara Tommasi!

La bellissima shogirl sta vivendo un anno tutto da protagonista dopo essere quasi sparita dal piccolo schermo.

Prima il suo nome è finito nel pentolone delle cenette simpatiche di Arcore.

Poi lo spot per Alfonso Luigi Marra, in cui è travestita da Osama Bin Laden.

Ora la bocconiana (30 anni) è protagonista di un altro messaggio pubblicitario.

Il committente è il solito Marra, ma stavolta lo spot viene trasmesso solo in Rete. La Tommasi si ricorda di essere economista e, con fare assai convincente (è così, no?) parla di signoraggio.

E’ falso che qui qualcuno si scandalizzi della mia nudità – dice l’ex concorrente dell’Isola dei Famosivogliono invece indurci a fare i video in modo che passino inosservati.

Perché i politici e i giornalisti di regime hanno la grave colpa di avere occultato le sei leggi regala-soldi alle banche e il crimine del signoraggio bancario dal quale dipende la crisi.

 

E – dice ancora l’ex fidanzata di Ronaldinho – sanno che appena l’opinione pubblica lo capisce, i responsabili finiscono in carcere, mentre gli altri devono lasciare le poltrone“.

Nel video Sara Tommasi è completamente nuda, anche se un effetto grafico le copre le parti più intima. Lo spot ha già avuto, in pochi giorni, oltre 20mila visualizzazioni.

Promuove l’incontro costitutivo di un Comitato che dovrebbe battersi contro tutte le leggi che favoriscono le banche e per l’abolizione del signoraggio.

L’incontro si terrà il prossimo 26 novembre. Ma come spiegare il fatto che proprio la Tommasi si occupi di questo argomento, così delicato, al quale mai ci è sembrata interessata (nonostante la laurea in Economia)?

 

ISLANDA: Una rivoluzione messa a tacere…   1 comment


ISLANDA: Una rivoluzione messa a tacere….

Gli islandesi si sono ribellati contro il proprio governo, chiedendo di non pagare il debito delle banche

di Juan Manuel Aragüés

Ciò che non appare nei media, non accade. Questa è la massima che si deve applicare allo strano caso dell’Islanda. Sì, l’Islanda.

L’Islanda dovrebbe essere notizia, titolo principale dei giornali. Perché? Bene, perché in Islanda, la gente è scesa per le strade, pentola in mano, per mostrare la sua radicale opposizione al suo governo. E la mobilitazione dei  cittadini non solo ha provocato due crisi di governo, ma ha imposto un processo costituzionale, la stesura di una nuova Costituzione per evitare il ripetersi di situazioni simili come quelle che si sono verificate nel corso di questa crisi globale.

Quali sono queste situazioni?

Le tre principali banche islandesi si lanciarono, protette dal neoliberismo rampante, in una politica di acquisto di attivi e prodotti al di fuori dei loro confini. Come è successo con molte banche, quei prodotti sono risultati spazzatura, di quella che a Rodrigo Rato sembrava una stupenda scommessa finanziaria quando era direttore del FMI, che ha portato queste istituzioni alla bancarotta  per i loro debiti in Olanda e Gran Bretagna.

Il governo islandese ha provveduto a nazionalizzare le banche e ad assumersi i loro debiti.

Questo ha significato che ogni cittadino dell’Islanda si ritrovasse con un debito di 12.000 euro. Come accade in tutto il mondo, la cattiva gestione degli enti privati, deve essere supportata dalle istituzioni pubbliche e, quindi, dalla cittadinanza nel suo insieme.

La differenza è che i cittadini islandesi, di fronte allo scandalo della situazione- scandalo che è paragonabile a quello che succede in tutti i paesi occidentali– si sono ribellati contro il loro governo. Così, sono scesi in strada, chiedendo di non pagare il debito degli altri. Altri che quando non hanno profitti non si ricordano dei cittadini e degli stati, ricorrono ansiosi ad essi quando si trovano in situazioni d’emergenza. Il governo, che ha insistito per pagare il debito, sotto la pressione fatta dal FMI e dei governi olandesi e britannici, si è visto costretto a convocare un referendum, nel quale il 93% della popolazione si è rifiutata di pagare il debito di altri.

Questo ha causato una crisi politica di profonde dimensioni che ha condotto a due crisi di governo e alla creazione di una commissione di cittadini incaricati di scrivere una nuova Costituzione. Gli islandesi si sono stancati di essere presi in giro ed hanno deciso di prendere il loro destino nelle proprie mani.

Il caso è sorprendente. Ma forse più sorprendente è che questo processo, che si sta verificando in questi due ultimi anni, e che è in pieno fervore, con un’offensiva del Partito Conservatore per dichiarare illegale il processo costituente  (che paura che hanno i conservatori della forza dei cittadini!!), che questo processo, insisto, non ha meritato neanche un solo commento sui mass media.

Quando i vulcani d’Islanda sono scoppiati mesi fa, le sue ceneri hanno coperto l’Europa ed hanno causato un enorme caos aereo. Probabilmente, il timore che le ceneri del vulcano politico islandese provocasse effetti sociali in Europa è una spiegazione plausibile per questo silenzio. L’effetto contagio, lo abbiamo visto nel Magreb, è una delle caratteristiche della società mediatica.

Gli islandesi ci mostrano un cammino diverso per uscire dalla crisi. Tanto semplice come dire basta e ricordare che la politica, e chi la esercita, devono essere al servizio della cittadinanza e non degli interessi di entità private la cui voracità, egoismo, mancanza d’etica (vedasi il caso dei recenti bond per 25 milioni di euro a direttivi del Cajamadrid) è all’origine di questa crisi.

In Islanda è stato adottato l’ordine di fermo contro i dirigenti delle entità in questione. In Islanda, mettendo in un angolo i partiti impegnati a sottomettersi ai diktat dei mercati, la cittadinanza è diventata protagonista.

Gli islandesi l’hanno detto chiaro: che il debito lo paghi chi lo crea, che la crisi la paghi chi l’ha prodotta.
Un altro articolo interessante ;

La protesta popolare in Islanda contro le banche

di Pasquale Felice (4 /06/2011)

“Pochi ne parlano ma da circa due anni in Islanda è in corso una “rivoluzione” popolare che ha imposto al governo in carica di dimettersi in blocco, che ha fatto nazionalizzare le principali banche del Paese, decidendo altresì di non pagare i debiti contratti con le principali banche della Gran Bretagna e dell’Olanda, a causa della loro “vampiresca” politica finanziaria. In sostanza, con le proteste e le grida in piazza contro il potere politico-finanziario neoliberista, che ha condotto il Paese ad una grave crisi finanziaria, non solo hanno fatto cadere il governo in carica ma i responsabili della crisi sono stati perseguiti penalmente, è stata eletta un’assemblea costituente per redigere una nuova costituzione, ed è stata data reale esaltazione alla libertà di stampa, di informazione e di espressione.”

Una legge discussa in Parlamento stabiliva il saldo dei debiti in Gran Bretagna e Olanda, 3.500 milioni di euro che tutte le famiglie islandesi avrebbero dovuto pagare attraverso una tassazione del 5,5% per i successivi 15 anni.

Per questo motivo gli islandesi tornarono a dimostrare per le strade, rivendicando un referendum popolare che impedisse la promulgazione della legge. Nel gennaio 2010, il Presidente della repubblica, di fronte alle proteste popolari, rifiutò di ratificare la legge e indisse la consultazione popolare: in marzo, con un esito negativo del referendum, il 93% degli islandesi disse NO al pagamento del debito. La “rivoluzione” islandese trionfò, il FMI si affrettò così a congelare l’aiuto economico all’Islanda, nella speranza di imporre in questo modo il pagamento dei debiti. A questo punto il governo islandese aprì un’inchiesta per individuare e perseguire penalmente i responsabili della crisi: arrivarono i primi mandati di cattura e gli arresti per banchieri e top-manager; l’Interpol emanò un mandato di arresto internazionale contro l’ex presidente della banca Kaupthing.

In seguito nel pieno della crisi, nel novembre 2010, venne eletta un’assemblea costituente per preparare una nuova costituzione che, sulla base della lezione della crisi, sostituisse quella in vigore. Tra le 522 candidature popolari, per le quali era necessario soltanto la maggiore età ed il supporto sottoscritto di almeno 30 cittadini, furono eletti 25 cittadini, senza alcun collegamento politico.

L’assemblea ha avviato i suoi lavori nel febbraio del 2011 e presenterà a breve un progetto costituzionale sulla base delle raccomandazioni deliberate dalle diverse assemblee che si stanno svolgendo in tutto il Paese; tale progetto costituzionale dovrà poi essere approvato dall’attuale Parlamento e da quello che sarà eletto alle prossime elezioni legislative. Inoltre, l’altro strumento “rivoluzionario” sul quale stanno lavorando è “Icelandic Modern Media Initiative”, un progetto finalizzato alla costruzione di una cornice legale per la protezione della libertà di informazione e di espressione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: