Archivio per l'etichetta ‘esegeti

ottavo “sacramento” L’Amicizia..(un sacramento della chiesa cristiana.. non-ufficiale)   Leave a comment


..

in questi ultimi giorni.. insieme ad altri amici…

 abbiamo scoperto..   ”l’esistenza” di…. (roba da matti)

questo.. [ottavo ]  “sacramento”…

cosa seria..ma consigliabile  e ..a dire il vero.. “consigliato”….

  da ..un sant’uomo..

un “folle di Dio”… “solo”

a “folli di Dio..o folli di Umanesimo…”

stavamo seguendo un corso.. su Verita’ nella vita quotidiana,ecclesiale,politica..

una..bbotta de vita!!!!!!!!!!!!!!!

filosofi,psicologi,politici,giornalisti,esegeti,monaci (i nomi li trovate in seguito).

tutti a spiegare,..che ..la societa’ e la comunita’ ecclesiale..

“sostanzialmente”..ci hanno… e ci stanno…

circuendo…. il cervello… da quando siamo nati!!!!!!!

naturalmente..i professionisti..laici..non erano..”preparati” …

 a DISCERNERE..le menzogne della Chiesa ..

ho dato il mio modesto..contributo..(SIC)

un giovane scrittore di gran talento..

mi ha affascinato..con una frase che rimarra’ indelebile..

nella memoria..”la verita’  innamora..”

e’ vero..e’ questo il motivo..perche’ la ho sempre cercata..

la verita’ delle  cose..la verita’ di dio..la verita’ dell,uomo..

verita-ii-nellsa-vita-quuotidiana-01.jpgverita-ii-nella-vita-quuotidiana-02.jpgverita-ii-nellsa-vita-quuotidiana-03.jpgverita-ii-nellsa-vita-quuotidiana-04.jpgverita-ii-nellsa-vita-quuotidiana-05.jpg

   

       

  

  

  

Erich Fromm..un “religioso” ateo..   Leave a comment


il testo che riporto è tratto dal libro “Voi sarete come Dei” (Ubaldini Editore-Roma

ritengo opportuno sottolineare,per coloro che non conoscono la Bibbia, che questa frase non è una trovata “blasfema” dell’Autore..bensi una delle frasi più antiche pronunciate dal Dio del Vecchio testamento,riferita al suo popolo..

“Sebbene io non sia un esperto nel campo degli studi biblici,questo libro è il frutto di molti anni di riflessioni,dato che ho studiato  il Vecchio Testamento  e il Talmud fin da bambino.Pure non avrei osato pubblicare queste osservazioni sulla Scrittura se nel mio orientamento fondamentale allo studio della Bibbia e della tradizione ebraica poste­riore non avessi avuto per maestri grandi studiosi rabbinici, tutti rap­presentanti dell’ala umanistica della tradizione ebraica e ebrei rigoro­samente osservanti, ma molto diversi l’uno dall’altro. Ludwig Krause, un tradizionalista poco toccato dal pensiero moderno; Nebemia Nobel, un mistico, profondamente impregnato del misticismo ebraico e del pensiero umanistico occidentale; Salman B. Rabinkow, legato alla tradizione hasi­dica, socialista e studioso moderno. Sebbene nessuno di essi abbia lascia­to scritti notevoli, erano molto conosciuti come studiosi del Taltnud fra i più autorevoli viventi in Germania prima dell’olocausto nazista. Non essendo un ebreo praticante o ‘credente’, io sono naturalmente in una posizione molto diversa dalla loro, e tanto meno oserei considerarli responsabili delle opinioni espresse in questo libro. Tuttavia queste mie opinioni si sono sviluppate dal loro insegnamento, e sono convinto che non si è interrotta in nessun punto la continuità tra questo e le mie idee. Sono stato anche incoraggiato a scrivere questo libro dall’esempio del grande kantiano Hermann Cohen che, nel suo Die Religion der Vernunft aus den Quellen dei J udentums segul il metodo di conside­rare il Vecchio Testamento e la tradizione ebraica posteriore come un tutto unico. Anche se questa opera di poco valore non può paragonarsi al suo importante capolavoro, e se le mie conclusioni a volte divergono dalle sue, sono stato influenzato fortemente dal suo modo di affrontare la Bibbia.

L’interpretazione della Bibbia data in questo libro è quella del­l’umanesimo radicale. Con ‘umanesimo radicale’ mi riferisco a una filo­sofia globale che sottolinea l’unicità della razza umana, la capacità del­l’uomo di sviluppare le proprie potenzialità, di raggiungere un’armonia interiore e l’equilibrio di un mondo pacifico. L’umanesimo radicale con­sidera lo scopo dell’uomo una completa indipendenza; ciò implica per­venire, al di là delle finzioni e degli inganni, a una piena consape­volezza della realtà, e inoltre un atteggiamento di scetticismo verso l’uso della forza, proprio perché durante la storia dell’uomo è stata ed è tut­tora la forza (l’indurre paura) a render l’uomo incapace di indipen­denza, deformandone cosl la ragione e i sentimenti.

Se è possibile scoprire le basi dell’umanesimo radicale nelle più an­tiche fonti bibliche, è soltanto perché conosciamo l’umanesimo radicale di Amos, di Socrate, degli umanisti rinascimentali, dell’Illuminismo, di Kant, Herder, Lessing, Goethe, Marx, Schweitzer. Il seme diventa chiaramente riconoscibile solo se se ne conosce il fiore; la prima fase deve spesso essere interpretata con l’aiuto della seguente, anche se, genetica­mente, la prima precede la successiva.”

VOI SARETE COME DEI
Un’interpretazione radicale del Vecchio Testamento
e della sua tradizione

(1966/ed. Astrolabio-Ubaldini, Roma 1970)

se l’argomento vi interessa..aprite  questo (link)

qui troverete il senso profondo e la verità del Vecchio Testamento,uno dei commenti esegetici più importanti ritengo ..per i cristiani..

per la bibliografia di questo grande uomo..suggerisco questo link

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: