Archivio per l'etichetta ‘naturismo

Le madri..e il nudismo..Las madres hacen ensayo desnudas con los niños para mostrar la verdadera mujer   Leave a comment


Los cuerpos de las mujeres que adornan las revistas para mujeres son muy diferentes de las mujeres reales. Difícilmente en una revista se ve a la mujer real, con sus contornos naturales. Se pliega en el estómago, la celulitis, las estrías están ocultos, por último, están “hechas-up ‘con las computadoras que dejan modelos delgadas incluso programas más magras.

Estaba pensando en esta verdadera mujer que cuida de los hijos, lo que genera, y dejar de amamantar a un bebé que se hizo una sesión de fotos a principios de septiembre en una cascada en la ciudad de Nova Lima, en el Gran Belo Horizonte (MG). La idea era la doula y fotógrafo Kalu Brum que hizo un llamamiento a un grupo de Facebook y se sorprendió porque muchas madres inmediatamente interesado.
“Fue muy hermoso ver el coraje y los entrega, ” Kalu dice de la prueba que se tituló” La madre naturaleza ”. “Mujer hermosa de la verdad tiene sus marcas, los nuevos tatuajes de fase. Las mujeres con senos reales, diferente, la lactancia o se incorporarán a un bebé. Cuando una mujer ve la belleza de una mujer de verdad se siente cómodo en lo que eres ”, dijo el fotógrafo.

Kalu cuenta de que en la liberación de las fotos en las redes sociales ha recibido muchos correos electrónicos de mujeres que se reconocen en el ensayo. “Ellos dijeron que antes del juicio vio la belleza de ser quienes son, ”, dice.

Ella dice que el juicio se celebró de una manera muy natural para esas nueve mujeres y siete niños. “Se quitaron la ropa y se establecieron en las rocas. No conducir la prueba. Fue entonces cuando me di cuenta que era el único con la ropa y luego tomé la mía también.

Las mujeres eran tan cómoda que era indescriptible al ver tanta armonía. Creo que las fotos muestran que, ”, dice.Una doula dice que va a hacer otra prueba en octubre y otra en noviembre. Este último, dice el fotógrafo, estará con mujeres mayores de 40 años. “La prueba está abierta a mujeres embarazadas y mujeres con niños. La atención se centra en la relación madre-hijo ”.

kalu3

kalu4

kalu5

kalu6

kalu7

Los beneficios psicológicos de la desnudez

El nudismo podría reducir el estrés y elevar la aceptación personal. Aunque no siempre es bien visto, expertos explican las ventajas. Hay quienes dicen que amar el cuerpo es amarse a sí mismo. En ese sentido, estar desnudo frente a otras personas sería amarse aún más.

Un artículo publicado en el diario El País de España asegura que el nudismo genera hasta 205 efectos beneficiosos sobre nuestra salud física, psicológica, social y sexual.

Entre ellos la desnudez promovería beneficios psicológicos como una mayor autoestima sobre nuestro cuerpo, reafirmaría la identidad y reduciría el estrés y, en lo social, favorecería la superación de ciertos cánones de belleza establecidos socialmente que condicionan nuestra vida. El miedo a la desnudez muchas veces es miedo a no encajar en estos moldes.

En este sentido, dejar a un lado los complejos propios sobre los distintos prototipos del cuerpo evitaría en cierta medida enfermedades como la anorexia y la bulimia, que en parte nacen de inseguridades. “Si desde pequeños nos enseñan a ver la desnudez como algo normal, aprendemos que hay diferentes tipos de cuerpos y que eso es natural. Pero, en vez de eso, oímos que estar desnudo es malo, y si nos pillan sin ropa nos dicen: ‘¡Vístete!”, dice Ismael Rodrigo, presidente de la Federación Española de Naturismo (FEN) al diario El País de España.

“Inicialmente, muchos se atreven por curiosidad. Y una vez que lo prueban, la mayoría decide no ponerse vestido de baño nunca más, –agregó el especialista–. Lo que atrae a la gente es esa sensación de libertad, de sentir el agua y el aire en todo tu cuerpo, estar en comunión con la naturaleza”.

“Lo que hay que hacer es normalizar este debate, pensar que estar desnudo es completamente natural”, dice Rodrigo. Claro que, a veces, ciertos ejemplos te dejan con la boca abierta en pleno siglo XXI: “En Hotmail te cierran la cuenta de correo sin previo aviso si mandas fotos de desnudos, lo cual es una violación clara de la privacidad de tu correspondencia. Le ha pasado a varios de nuestros socios”.

Como señala Nacho Meneses en el artículo del diario español, “practicar el nudismo suele ser señal de una mayor conciencia ecológica y de respeto al medio ambiente”. Si bien en la definición del nudismo y el naturismo se incluye un respeto por la naturaleza, casi todos los grupos que se autodefinen como nudistas simplemente tratan de expresar en libertad su derecho a estar desnudos. Para ellos la prohibición moral de esta práctica nace de problemas psico-emocionales, entre los que se encuentran una baja autoestima y una imagen personal negativa.

Según los estudios del sociólogo norteamericano William Hartman, el 89% de los nudistas no sólo practican esta actividad en la playa, sino que también andan por su casa desprovistos de cualquier tipo de ropa que cubra su cuerpo.

Pero no todos ven la desnudez con los mismos ojos. En la mayoría de países mostrar el cuerpo públicamente tal y como es, sin adornos, es una ofensa y es motivo de detención y sanciones por parte de las autoridades. En el arte la línea entre la ofensa y la estética a veces es fina.

La moral y la religión son responsables de buena parte la censura y la condena a la desnudez (el caso de los musulmanes refleja uno de los extremos). Por solo nombrar un caso emblemático, la escultura del ‘David’ de Miguel Ángel fue censurada cuando se exhibió en una plaza pública. La gente no toleró que en una obra de arte, por más meticulosa que fuera, se viera un pene.

La historia de la desnudez es larga, profunda y polémica. Lo cierto es que hasta el día de hoy en gran parte del mundo el tema ha sido inexplorado y sigue siendo tabú. Probablemente la liberación nazca de demitificar estas costumbres.

Los beneficios no solo existen ante las demás personas, según algunos estudios también se pueden experimentar de una manera más íntima. Denise Knowles, terapeuta sexual, comenta que “dormir desnudo es una buena estrategia para las personas que no aprueban su imagen”. Además, según la experta, al dormir desnudo con alguien se incrementan los niveles de oxitocina –conocida como la hormona del amor– y aumentan considerablemente los deseos de practicar sexo.

Pubblicato 14 ottobre 2015 da sorriso47 in anima e corpo, naked, naturismo, nude, nudismo

Taggato con , , , ,

Maschio e Femmina..li creò…   2 comments


coppia nudista

E’ indubbio che le religioni abbiano avuto un ruolo positivo nell’evoluzione della coscienza umana..

ciò non toglie che al contempo abbiano avvalorato anche credenze erronee e negative che ancora oggi pesano nella formazione delle coscienze..

L’esempio più tragico..e sottolineo ..tragico..è la convinzione ..

sia pure a livello d’inconscio..

che la donna appartenga ad un genere inferiore a quello dell’uomo maschio..

e per di più..pericoloso

A ben pensarci.. il più grande e deleterio razzismo della storia del genere umano..

non è quello dell’uomo bianco nei confronti dei suoi simili con altre pelli..

o fisionomie..o culture.. ma quello instauratosi molto presto..

dell’uomo nei confronti della donna.. sicuramente a motivo della minor forza fisica..

unica forza che abbia contato per il genere umano..

oltre, indubbiamente,al diverso ruolo naturale, dovuto al motivo della gravidanza e dell’allattamento della prole.. ma obbiettivamente secondario…

se esiste il MALE..come entità concreta e negativa ..contraria al benessere del genere umano..

allora dovremmo concordare che la MELA che l’essere Adamo..ha mangiato..

e che lo ha portato alla sua decadenza morale e fisica..

non è quella suggerita dal serpente tentatore..

bensi quella che la religione degli uomini.. vero Serpente..

proprio con un semplice racconto come lo è il testo della Genesi..

ci ha fatto mangiare per tanti secoli..ancora oggi…

In sintesi…il genere femmina..è subalterno al genere maschio..

e per di più..tentatore e pericoloso…

e..se vi è stato un miracolo nel genere umano..uno di questi miracoli..

è il pensiero di gesù Cristo…

egli attesta che il genere umano.. è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio…

i veri credenti non sono delle creature misteriosamente rigenerate

da una cosiddetta grazia divina.. ma semplicemente creature che ritornano a pensare..

come quando eravamo bambini.. quella è la nostra natura veramente divina…

infatti uno dei suoi insegnamenti più importanti.. ma il meno compreso..

è quello in cui dice: se non ritornate (a pensare )come i bambini..

non entrerete nel regno dei cieli…”

diciamo di essere cristiani..cioè persone che credono al suo insegnamento..

in realtà… siamo incapaci…proprio perché fuorviati dalle dottrine di uomini..

di comprendere il suo insegnamento.. e questo è uno dei suoi insegnamenti..

MASCHIO e FEMMINA li creò…”

È talmente semplice ..come verità..che quando eravamo bambini non avevamo dubbi in merito..

ma il tragico è..che ci hanno fregato proprio quando eravamo bambini…

distorcendo il nostro naturale discernimento.. con le loro elucubrazioni mentali…

La prima virtù divina che dovremmo riconoscere in Gesù Cristo ..

è ..che non era un rincoglionito!!

Che questa sia ..l’Illuminazione???

Infatti un giorno gli domandarono(Matteo,19-3)

” è permesso ad un uomo ripudiare la propria moglie per un motivo qualsiasi?

Ed egli rispose:” non avete letto che il creatore fin da principio..li creò maschio e femmina?”

e disse….”per questo l’uomo lascerà suo madre e sua madre e si unirà a sua moglie..

e i due..saranno una sola carne? Quindi..non sono più due..ma una sola carne…

quello che dio ha congiunto..l’uomo non separi..!!

Allora gli obbiettarono:”perché allora ..Mosè..ha ordinato..di dare alla moglie..un atto di ripudio..e quindi..di mandarla via?

“Per la durezza dei vostri cuori..Mosè..vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli..ma..da principio..non fu cosi..”

la vera natura divina di Gesù..si rivela,frequentemente,in contesti..contrasti ..del genere…

conferma alcuni assunti dei testi religiosi..come verità del Padre….

ma condanna apertamente altri assunti..come…dottrine ”tradizioni” degli uomini (i farisei)…

ne è un altro esempio..il suo insegnamento sul precetto di onorare il padre e la madre..

sempre in Matteo,capitolo 15, 1 e segg.alcuni farisei ed alcuni scribi..da Gerusalemme..

andarono da Gesù…e gli dissero:”perché i tuoi discepoli..trasgrediscono la tradizione degli antichi?

(il motivo era che i suoi discepoli non si lavavano le mani,prima di mangiare)

ed egli risposeperché voi..piuttosto..trasgredite il comandamento di dio..in nome della vostra tradizione?..

Dio infatti ha detto..onora il padre e la madre..inoltre ha detto..

chi maledice il padre e la madre..sia messo a morte.. al contrario..voi asserite….

se un uomo dice..a suo padre e a sua madre…”il denaro,con cui dovrei aiutarvi..è offerto a Dio..”

(concretamente è offerto ai sacerdoti) in questo caso..non è più tenuto ad onorate il padre e la madre..;

di conseguenza..voi..avete annullato la parola di Dio..in nome della vostra tradizione..”…

ipocriti..ben ha profetizzato di voi..il profeta Isaia quando disse…

questo popolo mi onora con le labbra..ma il suo cuore è lontano da me….

invano essi mi rendono culto..insegnando dottrine(tradizioni) che sono..precetti di uomini…”

ma torniamo al racconto della Genesi..

per capire profondamente il senso innovativo dell’ insegnamento di Gesù..

dobbiamo rileggere il racconto della Genesi..cioè..il racconto religioso della creazione del mondo..

Gesù infatti non si rifà..a tutto quanto è scritto nel racconto..

ma solamente ad alcune parti di esso.. Dobbiamo supporre che fosse ignorante delle scritture?

rammenta e conferma che Dio ha creato l’uomo maschio e femmina..

riporta il discorso in cui viene detto che l’uomo lascerà suo padre e sua madre..

per unirsi a sua moglie..e i due diventano quindi una sola carne…

Ma non si rifà…al discorso che la donna è stata creata da una costola di Adamo..

cioè..alla concezione(tradizione umana) dottrina ..

che Dio ha creato originariamente solo l’uomo maschio… 

inoltre neanche menziona il proseguo di questo secondo racconto..

che..a ben riflettere …è di una insensatezza e di una tale ilarità..

che solo il genio comico di Benigni o di Dario Fò…

saprebbero degnamente presentare..come vero..Mistero buffo!!!!

Ma mi ci provo io… L’uomo maschio è stato creato,dalla polvere del suolo..

vivificata dal soffio di Dio..(leggetevi Genesi,capitolo 2,versetto 7)…

Dio prende l’uomo maschio e lo mette nel giardino di Eden (il paradiso terrestre)..

perché ha bisogno di un giardiniere !!! che faccia crescere le sue piante,

in quanto non c’era nessuno che lavorava il suolo..per irrigare con l’acqua le piante (genesi,cap.2,versetti 5-6)..oibò…mirabile vocazione dell’essere umano..

È a questo uomo maschio..che Dio dà..questa avvertenza..

(genesi,vcap.2,versetti 15-16)puoi mangiare tutti i frutti degli alberi..

ma i frutti dell’albero della conoscenza del bene e del male.. non li devi mangiare..altrimenti morrai..”

il fatto che esista in natura una pianta cosi malefica..solo dio lo sa..

in effetti..sono passati milioni di anni.. e l’uomo ritiene si tratti..forse..

di una specie di melo sconosciuta..che fosse un melo..allucinogeno?

è chiaro che sto scherzando…

ma non scherzo se però pongo alla vostra attenzione il fatto che… naturalmente…

cioè ..per come era stato creato.. questo uomo..non conosceva ciò che è Male..

ma non conosceva neanche ciò che è Bene..

è quindi chiaro che viveva solamente la sua natura animale..tipica infatti degli altri animali..

che non conoscono cosa è bene e cosa è male..

ma vivono solo secondo il proprio istinto naturale…

Ma ..proseguiamo nel racconto… poi il signore dio..arriva ad una conclusione..

(genesi,cap.2,18-19)non è bene che l’uomo(maschio) sia solo..(gulp)

gli voglio fare un aiuto..che gli sia simile..” allora..cominciò a creare ..

ad esercitarsi nella creazione di una creatura vivente..

che potesse essere di aiuto ad Adamo..

”plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti li uccelli del cielo..

e li condusse all’uomo….ma l’uomo non trovò un aiuto che gli fosse simile”!!!!!!!!

se questa è verità sacra ,ispirata da Dio..e non una “tradizione”, teoria umana dei nostri antenati.. allora dovremmo,doverosamente,sentirci preoccupati…

delle condizioni di salute del nostro venerato creatore…

infatti Dio..secondo il primo racconto..aveva creato tutte le bestie e gli uccelli del cielo…

maschio e femmina.. cioè,mi spiego,aveva creato il leone e la leonessa..

il giraffo e la giraffa..il passero e la passera.. ritengo quanto esposto ..(gulp)..

di una logicità inconfutabile..se precedentemente.. (leggetevi Genesi capit.1 versetti 22)

li aveva benedetti e consigliati:siate fecondi e moltiplicatevi”..

Ma..nel caso dell’essere umano..(sob) si era un po’ distratto..solo maschio..

Ritornando col pensiero..agli albori della nostra storia..

dovremmo doverosamente riflettere.. che fù il momento più tragico della nostra umanità..

ve lo immaginate questo povero uomo!!!!

Circondato da milioni di bestie..felicemente copulanti..si guarda in basso verso il suo sesso..

esasperatamente dritto..e si domanda ..ansioso..”e questo..dove lo metto!”

Intravede qualcosa d’interessante sotto la coda della leonessa..

appena il leone sonnecchia..si precipita nell’inseguimento..

ma questa corre… più di una lepre…

Vede in alto..quella “cosa” della giraffa…ma ancora non ha inventato la scala..

la cosa dell’ippopotama..gli faceva a dir vero..un po’ schifo..

avvertiva un inesprimibile attrazione per la passerotta..(sob)..

ma era qualcosa d’inconscio..senza comprenderne la ragione!!!!!!!!

Per fortuna..queste corse farneticanti..lo affaticavano quel tanto da permettergli..

un sonno limitato..e poi di nuovo..verso la pena quotidiana…

Gesù…il cristo..ragiona con il proprio cervello..e ci dice..” ci vuole tanto..a discernere la verità?”

Alla mela mangiata da Eva..nessun riferimento..

l primo peccato dell’umanità fù,probabilmente ..l’adulterio..

cosi insegna Gesù..nel vangelo di Maria..loghion 7,10

Pietro gli disse: “giacchè ci hai spiegato ogni cosa ,spiegaci anche questo..

che cosa è il peccato del mondo?.” Gli rispose:”non vi è alcun peccato…

siete voi, invece, che fate il peccato allorché fate (azioni)…

che sono della stessa natura dell’adulterio ”

(noi abbiamo sempre pensato alla “superbia” di voler diventare come Dio..

che conosce il Bene ed il Male..cosi ci hanno insegnato..)

il secondo..l’omicidio.. ma troppo facile incolpare del primo..la femmina Eva..

perché il maschio Adamo..non aveva problemi a riguardo…

infatti si accoppiava con tutte le femmine che voleva.. come faceva il leone..

parimenti..infatti..si comportavano gli ebrei del suo tempo..

perché era in uso ancora la poligamia..

ma i cattolici sono tanto ignoranti ..perché non gli hanno spiegato niente in merito..

Il comportamento di Gesù..fu..rivoluzionario..

egli fu il primo ad asserire che la femmina è a immagine di Dio come l‘essere il maschio..

Ci sono voluti duemila anni perché divenisse di pubblico dominio..

dopo i ritrovamenti dei papiri di Nag-Hammadi..

la sua ammirazione per una donna..

Maria Maddalena…donna che riusciva a comprendere meglio dei discepoli uomini..

le verità del regno dei cieli..

Che sia una storia inventata da alcune comunità cristiane, cosiddette illuminate (gnostiche)? Ritengo proprio di no…

la figura di questa donna è presente anche nei vangeli canonici..

era presente sotto la croce.con la madre di lui …

all’alba del giorno di domenica, la ritroviamo per prima al sepolcro..

piange di dolore quando non trova il corpo di lui..

Gesù richiama la sua attenzione chiamandola semplicemente per nome…”Maria!!!!!”

è forse azzardato supporre che le volesse bene ?

e che lei lo amasse come il suo venerabile maestro?

D’altronde..il suo comportamento rivoluzionario verso le donne ..

era ben evidente anche dalla lettura dei vangeli canonici..

a noi pare normale che andasse a pranzo e parlasse con Marta e Maria di Betania,sorelle di Lazzaro..ma non era cosi…

se non ce ne siamo accorti è perché il suo modo di essere è divenuto ormai naturale per i milioni di esseri umani di oggi..

ma nei contesti culturali,religiosi di allora..tale comportamento gridava allo scandalo.. avete un’idea di come la pensassero i primi discepoli di gesù..riguardo alle donne?

Vangelo di Tommaso,loghion 114 Pietro disse“Maria Maddalena deve andare via da noi (discepoli).! Perché le femmine non sono degne della vita”

Gesù disse: “ecco..io la guiderò in modo da farne un maschio,affinché ella diventi uno spirito vivo uguale a voi maschi..poiché ogni femmina che si fa maschio entrerà nel regno dei cieli.”

Tale frase potrebbe accreditare l’ipotesi che Pietro fosse nel giusto asserendo che le femmine fossero prive di un cosiddetto”spirito vivo” prerogativa dei soli maschi…

ma si capisce già a motivo della risposta di Gesù…che cosi non è…

che Pietro si sbaglia a motivo della sua cultura..perché è solo questione di formazione (di guida)..

e ritorna qui la questione delle”tradizioni” degli uomini e della “durezza” del loro cuore…

Insomma è evidente che Gesù pensasse in cuor suo..

” Pietro..mi rendo conto che non è colpa tua se la pensi cosi..tu e gli altri discepoli maschi..

purtroppo vi hanno rincoglioniti fin da piccini..!!!..

ci penso io..non ti preoccupare..”

E la storia si ripete ancor oggi…la discendenza di Pietro…deve essere carente d’illuminazione divina..

per l’amor d’iddio..brave persone!! ma dure ..ma dure.. come i sassi !!!!!!

Mancano i sacerdoti…hanno già esaurito le “scorte” africane…sui cinesi..manco a pensarci..

e Benedetto XVI ripete al suo gregge impensierito:

“ il nostro salvatore prescelse come apostoli (papi e vescovi,n.d.r) e quindi anche come sacerdoti..solo maschi..

non possiamo cambiare la nostra “tradizione” ordinando delle femmine ..

la cui stirpe si rifà a quella indemoniata e pure trott..di Eva!!!”

Per fortuna la discriminazione della donna..,nell’attuale cristianesimo si ferma solo nell’ambito del sacerdozio..

(la sola eccezione è della chiesa anglicana..che ha ordinato donne sacerdoti..)

Regno Unito, consacrata prima donna vescovo. Prete grida: “Not in my name”

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/01/26/regno-unito-consacrata-prima-donna-vescovo-prete-protesta-not-in-my-name/1372290/

ma un’altra grave questione è la richiesta del celibato sacerdotale..norma transitoria..

che sta generando tali scandali nel cattolicesimo..mi riferisco a quello gravissimo della pedofilia…che se io fossi papa non potrei dormirci sopra la notte!!!!!

Ma è troppo assorbito negli ultimi tempi a pensare al suo libro su Gesù di Nazaret..

oltre a premurarsi nel dirci che la prerogativa,l’essenza dello spirito divino..

è di essere padre.. più che madre..avrebbe voluto dire..solo padre..

ma purtroppo papa Luciani..in un lampo di Spirito Santo..

aveva “spiegato” che Dio è anche madre..quindi ..non poteva fare di più..

E qui è il caso di affrontare il problema del celibato sacerdotale…ritenuto ,a torto,

la virtù maestra per entrare nel regno dei cieli..la virtù per eccellenza dei veri cristiani…

tutte balle..basta leggere con semplicità il passo evangelico in questione..

per capire che la chiesa ha travisato volutamente il pensiero di Gesù…

infatti proprio nel proseguo del capitolo 19 di Matteo si può leggere..

perciò io vi dico..chiunque ripudia la propria moglie..eccetto in caso di concubinato..

e ne sposa un’altra..commette adulterio”

c’è un passo simile in Luca 16,18chiunque ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra.. commette adulterio..colui che sposa una donna ripudiata commette adulterio.”

nel primo passo di Matteo è evidente il contesto culturale della poligamia..

e poi viene il bello …Matteo,19,10-12 (la continenza volontaria)

Gli dissero i discepoli “se questa è la condizione dell’uomo rispetto alla donna,non conviene sposarsi”

permettetemi una mia interpretazione..terra terra..

è come se Pietro e gli altri discepoli replicassero a Gesu’..

”come..noi dovremmo tenerci e mantenere per sempre una donna anche quando gli calano le mammelle e gli crescono i peli??

Dovremmo continuare a mantenerla anche quando gli viene la cellulite!!!

Allora sposati tu!!! Che è meglio andare a puttana!!!!

Ed egli rispose loro:”non tutti possono capirlo..ma solo coloro ai quali è stato concesso..

vi sono infatti eunuchi che sono nati cosi dal seno della madre…

ve ne sono alcuni che sono stati resi eunuchi dagli uomini(gli evirati) ..

e vi sono altri che si sono fatti eunuchi per il regno dei cieli…chi può capire..capisca.”

a me sembra chiaro che questo tipo di eunucità si riferisca alla indissolubità del matrimonio…voi come la pensate!!!!

Dovremmo prendere per buona l’interpretazione della chiesa che ritiene per buona.. 

la sua elucubrazione mentale…sulla continenza volontaria…

intesa come astinenza dai rapporti sessuali.. a motivo del fatto che Gesù non si sposo???

La verità è che l’uomo maschio Gesù era una persona particolare..

ma questo i vangeli canonici non lo spiegano..

ci vuole il vangelo di Tommaso per capirlo…loghion 61

Io sono colui che proviene dall’indiviso..” risponde Gesù alla sua discepola Salomè..

cosa significa..? significa che egli proviene da Dio ..che è maschio e femmina..indiviso..

d’altronde..come può ..il Principio creatore ..Dio.. aver creato il maschio e la femmina…

se non possedeva in Sé..entrambe le particolarità!!!!!!!

Qualche timorato di Dio..potrebbe osservare che Dio è spirito..

e che quindi il mio modo di pensare è falsato dall’antropomorfismo…

ma non ne ho colpa io..se il Verbo di Dio..

non ha trovato modo migliore di presentarcelo se non come padre…

sono convinto che avrebbe volentieri detto..padre e madre..ma non erano i tempi…

si.. non erano i tempi.. Il pensiero e quindi l’insegnamento di quest’uomo..erano inaccettabili

per il suo tempo..ma che i suoi stessi discepoli arrivassero a mistificarne il pensiero..

questo è un po’ troppo..per questo ha cominciato a “sradicare” la vigna..

si..le chiese cristiane ufficiali..non andranno molto avanti..

voi siete il sale della terra;ma se il sale perdesse il suo sapore..

con che cosa lo si potrà rendere salato!!

a null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini.” (matteo,5,14)

MA ..RITORNIAMO AL DISCORSO DEL “MASCHIO E FEMMINA”

A mio avviso..la pratica del nudismo è buona cosa…è un vivere in modo naturale ..

che stempera la “psicosi del sesso”

potrete essere attratti “eroticamente” da una donna in tanga ..su una spiaggia normale..ma se la potete vedere nuda..sentirete sciogliere ..tutte le vostre psicosi sessuali..la curiosità naturale dei bambini..maschi e femmine..(chi non si ricorda del giochino “facciamo i dottori” ??? ) si stempererebbe naturalmente…

vi è poi anche..una esortazione di Gesù..(ma è nel vangelo di Tommaso)

37. I suoi discepoli dissero, “Quando ci apparirai, e quando tornerai a visitarci?”

Gesù disse, “Quando vi spoglierete senza vergognarvi, e metterete i vostri abiti sotto i piedi come bambini e li distruggerete, allora vedrete il figlio di colui che vive e non avrete timore.”

https://vimeo.com/27571790

Qui potrete trovare un’altro bel video…

ma andateci da voi…se volete..

http://www.dailymotion.com/video/xmrvim_naturismo-1-parte_travel

che bello è il nudismo..vera libertà,spontaneità,dell’essere umano; il Corpo senza pregiudizi e provocazioni.   2 comments


           

godersi la vita naked-redhead-girl-in-sea-water-1920x1080

SPOGLIATI DI PREGIUDIZI  E DIVENTA LIBERO..

Nelle riflessioni di Isadora Duncan, “Lettere dalla danza”, la grande ballerina e coreografa scriveva: “L’essere umano, giunto al termine della civilizzazione, dovrà tornare alla nudità: non alla nudità inconsapevole del selvaggio, ma a quella conscia e riconosciuta dell’umanità matura, il cui corpo sarà l’espressione armonica della sua vita spirituale”.

Consigli e benefici sul nudismo vissuto come esperienza familiare

Avete un passato da nudisti che non riuscite a conciliare con il vostro status di neo-genitori? La vostra prole è piccola, curiosa ed invadente e non sapete come fargli capire che mamma e papà amano prendere il sole nudi? Molte più famiglie di quante crediate vivono questo dilemma, ma la strada della rinuncia al nudismo non è l’unica via percorribile.

Educare i nostri figli ad un diverso concetto di nudità è possibile; l’obiettivo è quello di insegnargli ad apprezzare la meraviglia di un corpo nudo in quanto tale, al netto di qualsiasi significato sessuale e nonostante l’immagine sociale del nudo sia sempre più legata al sesso.

COME FARE?

1 – Stare nudi in casa

Per non compromettere nè alterare il normale senso del pudore dei nostri figli, dobbiamo fare in modo che il corpo nudo non venga visto come qualcosa di straordinario. Svolgere nudi o semi nudi le incombenze casalinghe, evitare di nascondersi mentre ci svestiamo, fare il bagno insieme nei primi anni di vita, sono tutte attività che aiuteranno il bambino a familiarizzare con la nudità.

2 – Essere genitori complici

Nel percorso educativo del bambino è fondamentale che i genitori si trovino sulla stessa lunghezza d’onda; il disagio o la reticenza di una delle due parti potrebbero compromettere un equilibrio già di per sè delicato. Occorre mostrarsi sempre convinti della propria scelta naturista e saperla motivare, rispondendo sinceramente e senza remore alle inevitabili domande che la nostra prole ci rivolgerà.
L’essenziale sarà rispettare i tempi e i modi dei nostri figli. Se nei primi anni di vita sarà molto facile convincerli a stare nudi insieme a noi ed in mezzo agli altri, crescendo potrebbero sviluppare delle resistenze, sia perchè parte di una minoranza sociale, sia perchè i cambiamenti incontrollabili del proprio corpo potrebbero imbarazzarli. Non obiettate; una volta raggiunta una certa autonomia di pensiero, i nostri figli saranno liberi di scegliere se abbracciare o meno la filosofia naturista.

3 – Amare i propri difetti

Il naturismo presuppone l’accettazione totale del proprio corpo, difetti compresi. E’ essenziale trasmettere alla prole l’idea che la bellezza di una persona si compone di tanti piccoli fattori e che i difetti possono essere trasformati in punti di forza, in quanto indice della nostra unicità. Dovremo insegnare ai nostri figli a non avere mai vergogna del proprio corpo; piuttosto dovranno imparare ad amarlo, sentirlo e curarlo, senza però esserne ossessionati.

4 – Controllare le proprie pulsioni sessuali

Sebbene il richiamo della carne possa risultare irresistibile, i genitori naturisti dovranno mantenere, anche in casa, un comportamento irreprensibile. In prossimità della prole sono da evitare sguardi insistenti, palpeggiamenti, accenni di autoerotismo e erezioni improvvise.
La nudità di per sè non è erotica, l’eccitazione sessuale è uno stato che dipende dalla nostra mente più che dall’abito che indossiamo: questo è il messaggio che dovremo essere in grado di trasmettere ai nostri figli. Che subito dopo dovranno imparare a dominare la comprensibile tendenza al voyeurismo e convincersi del fatto che, pur non essendo esseri asessuati, siamo in grado di gestire la nostra e la altrui nudità.

PERCHÈ FARLO?

1 – I bambini cresciuti a stretto contatto con la nudità parentale arrivano a percepire il corpo umano e ad intendere le differenze uomo-donna come un dato di fatto, un fattore naturale non necessariamente legato alle esigenze della carne e alla libera sessualità dell’individuo. Questo si concretizza in un migliore controllo emotivo e nello sviluppo di una sessualità più serena. Nei Paesi in cui il naturismo è più diffuso, si ha un minore tasso di gravidanze indesiderate ed aborti in età adolescenziale.

2 – Il naturismo giova alla salute, soprattutto se praticato sin dall’infanzia. L’esposizione integrale al sole favorisce il metabolismo della vitamina D, indispensabile per lo sviluppo osseo, e la vita nuda rinforza il sistema immunitario. Oltre ai benefici fisici, è dimostrato che vivere naturista fa bene all’umore ed aiuta a combattere ansia e depressione.

3 – I bambini naturisti mostrano, crescendo, di accettare il proprio corpo meglio dei coetanei. Sono inoltre più propensi ad accettare i cambiamenti dell’età, a tollerare i difetti fisici e hanno una minore tendenza a giudicare l’altro in relazione al suo aspetto.

4 – Il bambino naturista non è spaventato dalla diversità e sarà quasi certamente un adulto comprensivo e tollerante; tra i naturisti infatti, la pecentuale di omofobi è pressochè irrilevante.
Iniziare i nostri figli alla pratica del naturismo significa anche metterli in guardia da eventuali pericoli; parliamo di pedofilia e della possibilità di ricevere avances, proposte o attenzioni poco gradite da parte di un adulto. Il bambino dovrà imparare a riconoscere un certo tipo di segnali e dovrà sentirsi libero di poterne parlare con la propria famiglia. Si tratta di casi estremamente rari, ma purtroppo occorre considerare anche questa possibilità e regolarsi di conseguenza.

Vi forniamo ora l’elenco delle principali associazioni naturiste italiane, cui potrete rivolgervi in caso di dubbi, perplessità, o semplicemente per reperire informazioni dettagliate sui luoghi più indicati per i neofiti e per i piccoli ospiti:

FENAIT
UNI – Unione Naturisti Italiani
ANITA
CO.NA.IT. – Confederazione Naturista Italiana
Associazione Naturista Alto Adige
ANEI – Associazione Naturista Ecologista Italiana

ANER – Associazione Naturista Emiliano Romagnola
ANAB – Associazione Naturista Abruzzese
SN – Associazione Sicilia Naturista
Assonatura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: