Archivio per l'etichetta ‘ridere

se ridere fà bene alla salute..allora..tiriamoci un pò sù di (a)morale.. (un post del 2007)   Leave a comment


datemi la topa

Tarzan

ombra

si amore continua cosi

forse dovremmo..

cristina bastardi dentro

un vignettista per cui mi ringrazierete  Pietro Vanessi

donne umorali PV

DIFFERENZE TRA IL 1994 E 2010 di P.V

in amore è giusto prendersi un pò

vignette 2 spermatozoi-150x214     vignette 3 monica-lewinsky

Vignette Mi-sta-tornando-una-certa-voglia...domani-andremo-da-un-dermatologo...guarda-la-vignetta-

NON VI CHIEDO DI COMMENTARE..MA ALMENO DATEMI UN VOTO..!!!

La risata è..”terapeutica”.. provare per credere..   Leave a comment


la scuola dello “yoga della risata”

due video di Stanlio ed Ollio per ridere a crepapelle!!!

risata coinvolgente sul metrò..

book gratuito di Giovanna Garbuio..Vita,istruzioni per l’uso (Ho-oponoponopo)   Leave a comment


Vita,istruzioni per l’uso

cerchiamo di ridere ..che ridere fà bene alla mente ed al corpo..

 

VIGNETTE DI PIETRO VANESSI SUL SESSO   Leave a comment


http://www.unavignettadipv.it/public/pv190313/?x=cat:6&paged=1

 

LA VERA SATIRA E LA COMICITA’ SONO IL RISULTATO DI UNA MENTE GENIALE

coppie-68-e-69-low.jpgcoppie-90gradi-low.jpg

PER PROVARE QHESTE ”TEMPERATURE” CI VUOLE UNA BRASILIANA

coppie-eiaculatio-precox-low.jpg

pecorine_e_presepi.jpg

coppie-2-novembre-low.jpg

impazzire-di-desiderio-low.jpg

coppie-il-programma-low.jpg

coppie-calorie-low.jpg

pv-ore-e-minuti-x-scorp.jpg

governo-ladro.jpg

picio-gay-2014_low.jpg

abitue-low.jpg

 

oscar-come-attrice.jpg

 

ora-legale_low.jpg

(questa vignetta è difficile da capire..è troppo “caustica”

fumare-dopo-il-sesso_low.jpg

brevissimo.jpg

 

coppie-pippone-low.jpg

 

amore-e-un-attimo-3-low.jpg

 

coppie-soldatino-di-stagno-low.jpg

 

pecorine_e_presepi.jpg

 

coppia-milleproroghe-low.jpg

 

impazzire-di-desiderio-low.jpg

IL BLOCCO STUDENTESCO… E CASA POUND (il poeta Ezra Pound)   1 comment


blocco-student.jpg

[kml_flashembed movie="http://it.youtube.com/v/SePiukY-UGc" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

C’è sempre da imparare..nella vita..

in  chi ha la curiosità di capire il perché degli eventi..

e ricerca la verità delle cose..  

VEDERE PER LA PRIMA VOLTA… QUESTI BASTONATORI..…

TEMERARI..SOLO PERCHE’ DIFESI…DALLE FORZE DELL’ORDINE..

E ..DA ALTRI ..ORGANIZZATORI..MI HA INDIRIZZATO AD UNA RICERCA..

DOVUTA ALLA RABBIA CHE MI E’ ENTRATA DENTRO.. 

il primo servizio televisivo che si è interessato di loro ..è una puntata di Lucignolo..

che vi ripropongo..

RITENGO OPPORTUNO..SOTOLINEARE CERTI LORO VALORI..

che si evincono dal filmato..

SONO CONTRO LA SCUOLA PRIVATA..

ED ALLORA..CHE CAZZO CI STANNO A FARE..

IN UNA MANIFESTAZIONE ..CHE DIFENDE LA SCUOLA PUBBLICA ..DAI TAGLI ?

Se leggerete i manifesti all’interno..

Leggerete che si “dovrebbero impegnare” per cose valide..

Una casa per tutti..”Mutuo Sociale”

Insomma un programma sociale ..da fare invidia alla sinistra al governo..

I lori “riferimenti” ,,sono di una cultura “Impressionante”..Giulio Cesare,Mussolini,Pound,Dante..Socrate..

“Paund ci piace perché aveva parole chiare contro il mercato..contro l’usura..” 

Hanno tra i loro eroi anche il Capitano Harlok..

quello nero..che ruba ai poveri ..per dare ai ricchi..

Usano ed hanno usato anche in piazza ..un liguaggio che sconcerta..

né rossi né neri..ma libberi  pensieri..

Nel filmato..si definisco precisamente…”Fascisti” oppure “Reazionari”..

“noi siamo di sinistra”

diceva uno di loro intervistato..alla fine degli scontri..

mi è veuto subito da pensare che avessero come “maestro”..Berlusconi..

e invece no..

loro sono i veri Fascisti..quelli ..”Sansepolcristi”

E BEN SANNO..

che sono solo le marionette della Destra..e di Berlusconi.. 

SE AVETE DAVVERO CORAGGIO..contestate come dite le Lobby..

CONTRASTATE IL POTERE DEI RICCHI..

..cari Capitani Harlok..

invece di dare le mazzate ai quattordicenni..

e vediamo se sarete tanto coraggiosi..

quando la Polizia di Stato..vi tratterà..

come oggi ha trattato i giovani studenti..

anche loro..”né rossi né neri..ma liberi pensieri” meglio di voi.. 

—————————————————–

ECO COS’E’ LA TERZA VIA:

NE’ CAPITALISMO NE’ COMUNISMO
”DITEMI QUEL CHE VOLETE, MA IO CREDO CHE SI POSSA

E SI DEBBA ATTUARE ANCHE ADESSO,

LA “TERZA VIA” PROPAGANDATA DAL FASCISMO SANSEPOLCRISTA 

E’ L’UNICA CHE PUO’ ELIMINARE

UNA VOLTA PER TUTTE IL
POTERE DELLE LOBBYES…

MUSSOLINI C’AVEVA VISTO GIUSTO,

MA PURTROPPO I CENTRI DI POTERE SONO SEMPRE QUELLI,

E METTITI A SCHERZARE CON MASSONERIA, ALTA FINANZA,

E CON I BANCHIERI STROZZINI,

OLTRE CHE CON
QUALCHE UTOPISTA COMUNISTA…” Un anonimo

—————————–

Terza via è una definizione che si riferisce a un’alternativa alle
due classiche teorie economiche del capitalismo e comunismo,
elaborata agli inizi del XX secolo come sistema economico a sé stante
e diverso da entrambi.
In precedenza le alternative alle due maggiori
teorie erano rappresentate dalla mescolanza di alcuni punti di
ciascuna di esse, sotto il nome (solitamente) di Socialdemocrazia.

Dopo la fine della prima guerra mondiale,

i fautori della nuova teoria economica si riunirono a congresso..

presso piazza San Sepolcro a Milano,

dalla quale il movimento prese il nome di Sansepolcrismo,
elaborando il “programma di Piazza San Sepolcro”

dal quale nacque il fascismo.

La constatazione di partenza fu che che le normali democrazie

fossero in realtà effettivamente partitocrazie plutocratiche manovrate dalla massoneria,

da considerarsi dunque all’ opposto rispetto al
significato letterale di “democrazia”.

Obiettivo dei congressisti fu …
un sistema politico che più si avvicinasse all’ ideale ateniese
di “democrazia”.
——————————————————————————————-
« Il fascismo è un metodo, non un fine;
una autocrazia sulla via della democrazia »

(Benito Mussolini, dall’ intervista concessa all’ inviato del Sunday
Pictorial di Londra il 12 novembre 1926[1])
————————————————————————————————-
”Il più rilevante difetto che riscontrarono nella democrazia
è il paradosso insito in se stessa,

ovvero se la maggioranza delle persone desiderasse un governo antidemocratico,

la democrazia cesserebbe di esistere.

Tuttavia se si opponesse cesserebbe di essere democrazia…

in quanto andrebbe contro alla volontà della maggioranza.

Quindi sostenevano che in pratica la democrazia non può esistere, è solo una teoria utopica.

Per entrambi i casi dell’ esempio si citano come validi

gli esempi dei colpi di stato di tipo sudamericano anche allora esistenti.

In secondo luogo si puntualizzò un fattore semantico troppo spesso volutamente frainteso:

le parole “democrazia” e “libertà” non sono sinonimi.

Molto spesso il travisamento della semantica porta a pensare

che gli antidemocratici siano contrari alla libertà.

In realtà si presume che nessuno si dica contrario alla libertà (se non in ambito restrittivo giudiziario).

Ogni sistema politico può essere democratico o non democratico.

In ogni sistema politico può esserci libertà oppure non esserci.

Ma queste due parole non necessariamente vanno di pari passo.

In un sistema può esserci democrazia senza libertà, e può esserci libertà senza democrazia.

Quindi secondo i sansepolcristi ..le dittature di tipo sudamericano altro non sono

che fasi in cui democraticamente

la maggioranza della popolazione desidera che il sistema partitico venga sospeso.

Viene ripristinato…allorquando democraticamente.. la maggioranza pende nell’ altro senso.
Questo discorso non avrebbe dovuto valere per la nascente “Terza via”,

impostandola sul superamento del sistema partitocratrico…

nella consapevolezza che per i problemi di una nazione

non esistono
soluzioni valide una quanto l’ altra a seconda dei punti di vista

(o meglio del punto di vista del partito a cui si appartiene)

ma una soltanto migliore su tutte.

« Nessuno vorrà gabellare per “rivoluzionario” il complesso dei
fenomeni sociali che si svolgono sotto i nostri occhi. Non è una
rivoluzione quella che si attua, ma è la corsa all’abisso, al caos,
alla completa dissoluzione sociale.

Io sono reazionario e rivoluzionario, a seconda delle circostanze.

Farei meglio a dire -se mi permettete questo termine chimico… che sono un reagente.

Se il carro precipita, credo di far bene se cerco di fermarlo;

se il popolo corre verso un abisso… non sono reazionario..se lo fermo, anche con la violenza.

Ma sono certamente rivoluzionario quando vado contro ogni superata rigidezza conservatrice

o contro ogni sopraffazione libertaria.

I peggiori reazionari in questo momento sono, per il Fascismo e per la storia,

coloro che si dicono rivoluzionari, 

mentre i Fascisti, tacciati cretinamente di “reazionari”,

sono in realtà….
”coloro che eviteranno all’Italia la terribile fase di un’autentica reazione.”
 

Chiunque in Italia abbia il coraggio di fronteggiare le degenerazioni della sovversione e non,

corre il pericolo di essere bollato come reazionario;

ma poiché tali degenerazioni esistono..e poiché il coraggio di fronteggiarle..

lo abbiamo dimostrato seminando anche di nostri morti le piazze d’Italia…

noi abbiamo la spregiudicata disinvoltura di sorridere..

se ci chiamano reazionari.  

Io non ho paura delle parole.

Se domani fosse necessario, mi proclamerei il principe dei reazionari.  

Per me tutte queste terminologie di
destra, di sinistra, di conservatori, di aristocrazia o democrazia,
sono vacue terminologie scolastiche.

Servono per distinguerci qualche volta o per confonderci, spesso »

(Benito Mussolini, dal discorso tenuto al senato il 27 novembre 1922)
[1])
—————————————————————————————-
E la Terza via ….secondo i suoi fondatori.. avrebbe dovuto rappresentare
una forma di governo al di sopra delle divergenti opinioni dei partiti.

Questo certamente contrasta con la creazione di un partito,
quale il congresso si proponè alla fine.

Ma essendo esso inserito in una nazione avente forma di governo partitica

era necessaria tale entità onde poter ottenere il potere, salvo poi smantellarlo una volta assestato.


Queste considerazioni vengono da un aspetto del sansepolcrismo,
che è riassunto nel famoso discorso di Benito Mussolini… nella frase :
« Noi ci permettiamo di essere aristocratici e democratici,
conservatori e progressisti, reazionari e rivoluzionari, legalisti e illegalisti,
a seconda delle circostanze ..
di tempo, di luogo e di ambiente »che viene spesso stravolto nel significato, a volte volutamente,
 in quanto appare evidente che una persona che ambisse solamente al potere tout court non avrebbe bisogno di fondare un partito dal nulla
ma basterebbe entrasse in uno che il potere già lo detiene.

In effetti in uno stato come l’ Italia i poteri erano, allora come oggi,
molti e diversificati, e non solo la monarchia,
il che impediva un accentramento del potere in una sola persona.

 Il fascismo scaturito ..
dal congresso di piazza San Sepolcro quindi non si considerava una “crociana” esigenza temporanea,

ma un nuovo sistema politico a se stante a tutti gli effetti.

Essi ritennero di aver finalmente creato la “terza via”,la soluzione ai problemi sociali creati dal capitalismo

e a quelli di diritto e di ordine pubblico creati dal comunismo.

Una “via” applicabile in ogni luogo e ogni tempo.
…………………………………………………………………….
« I fasci italiani di combattimento non sono un partito,
ma piuttosto l’ antipartito. 

Non sono un’organizzazione di propaganda, ma di combattimento.

Più che al proselitismo, per vendere marchette,..tendono all’ azione.

Non hanno programmi immutabili.

Non si propongono di vivere all’ infinito. 

Non promettono il paradiso in terra e la felicità universale.

Nella vasta democrazia della civiltà
essi rappresentano l’ aristocrazia del coraggio.

Libertari, sono per necessità… antidemagogici. Spregiudicati, sanno andare contro corrente.
È una associazione di uomini che possono provenire da tutti gli orizzonti

perché si “ritrovano” in alcune identità o affinità ideali »

(Benito Mussolini, dal discorso tenuto alla prima adunata fascista il
6 ottobre 1919[1])
—————————————————————————————

Come è noto tuttavia il modo in cui il Partito nazionale fascista
governò l’ Italia nel ventennio poco coincise con gli ideali proposti
nel congresso di San Sepolcro,

ma questo viene addebitato proprio al freno posto da quei poteri

(Monarchia, finanza, massoneria, chiesa,militari, borghesia)

verso i quali il fascismo aveva un debito di riconoscenza

per averlo inizialmente favorito come scudo contro il bolscevismo,

e dai quali non poteva esulare data l’ influenza che
essi avevano nel sistema sociale italiano,
come poi si rivelò

prima con l’ omicidio di Giacomo Matteotti e poi con i fatti del 25 luglio 1943.

Solamente nella sua fase crepuscolare della Repubblica sociale italiana

una volta fuori gioco molti di quei poteri ostracisti

si potè proporre argomentazioni più ardite. 

I cardini su cui si rifondò la politica fascista riprendendo le posizioni del sansepolcrismo
furono originati dal sincretismo tra teorici comunisti quali Nicola
Bombacci, economisti eretici quali Giuseppe Spinelli e Giuseppe
Solaro, politici quali Angelo Tarchi e Stanis Ruinas, e un poeta,
Ezra Pound.

Essi furono:
* Socializzazione
* Corporativismo
* Fiscalità monetaria
……………………………………………………………………………….
« I nostri programmi sono decisamente rivoluzionari..

le nostre idee appartengono a quelle che in regime democratico.. si chiamerebbero “di sinistra”;

le nostre istituzioni sono conseguenza diretta dei nostri programmi;

il nostro ideale è lo Stato del Lavoro.

 Su ciò non può esserci dubbio:

noi siamo i proletari in lotta, per la vita e per la morte, contro il capitalismo.

Siamo i rivoluzionari alla ricerca di un ordine nuovo.

Se questo è vero, rivolgersi alla borghesia agitando il pericolo rosso è un assurdo.

Lo spauracchio vero, il pericolo autentico, la minaccia contro cui lottiamo senza sosta,

viene da destra.

A noi non interessa quindi nulla di avere alleata,

contro la minaccia del pericolo rosso, la borghesia capitalista:

anche nella migliore delle ipotesi… non sarebbe che un’alleata infida,

che tenterebbe di farci servire i suoi scopi, come ha già fatto più di una volta con un certo successo.

Sprecare parole per essa è perfettamente superfluo.
Anzi, è dannoso, in quanto ci fa confondere,

dagli autentici rivoluzionari di qualsiasi tinta,

con gli uomini della reazione di cui usiamo talvolta il linguaggio »

(Benito Mussolini, Milano, 22 aprile 1945[2])
———————————————————————————
Ma a causa delle vicende della seconda guerra mondiale nulla fu
possibile sperimentare. La Repubblica sociale italiana scomparve e
con essa ogni velleità di “terze vie”, il cui progetto fu portato
avanti nel dopoguerra dal solo partito Movimento sociale italiano e
altri gruppuscoli.

Decameron Politica Sesso Religione e Morte (sabato 23,30 su la7.it)   2 comments


mi piace Luttazzi..perchè ritengo.. tra le migliori virtù di un uomo libero…

 l’essere critici e essere autocritici..

 ritengo un impegno primario…

la formazione di coscienze  “correttamente formate 

       decameron-promo.jpg    promo   

telsuo-1.jpg    parte 1

telsuo-2.jpg   parte 2

telsuo-3bis.jpg  parte 3

telsuo-4.jpg parte 4

telsuo-3.jpg parte  5

telsuo-6.jpg  parte 6

andate  a questa pagina di la7,it.  troverete tutto

per Natale..regala un libro….anche per un compleanno..o aiuta..i disgraziati…   Leave a comment


zero1.gif

 le altre copertine le trovate nella pagina  LIBRI…

vi consiglio questi….. vai al link…

la lista verrà aggiornata..attendo suggerimenti..da tutti    (link) 

presto..importanti novità..per i “credenti laici e confessionali”

per tutti gli uomini..”di buona volonta….atei,laici,religiosi,peccatori,puttane,etc..etc..”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: